Metal Gear Solid 5: Sesso e scene di nudo in MGS V The Phantom Pain

Metal Gear Solid 5, sesso esplicito in The Phantom Pain?
Ecrit par

In uscita su PS4, Xbox One, PC, PS3 e Xbox 360, il nuovo capitolo di Metal Gear Solid sarà adatto solo ad un pubblico adulto. Violenza, riferimenti sessuali e scene di nudo si incontrano in The Phantom Pain.

La violenza nei videogiochi non è certo un tema inusuale. Pensiamo alle polemiche legate alla saga di Grand Theft Auto, ed in particolare al quinto capitolo, GTA 5, che ha scatenato opinione pubblica e politica anche in Italia per le sue tematiche "forti", o al caso più recente di Mortal Kombat X, picchiaduro tutto gore e fatality. Elemento più raro - anche in titoli dedicati ad un pubblico maturo - è invece il sesso, di cui negli ultimi giorni abbiamo avuto un assaggio piuttosto sostanzioso in The Witcher 3 Wild Hunt e che tornerà a quanto pare in un altro titolo assai atteso dal pubblico nerd, quel Metal Gear Solid 5 The Phantom Pain forse rimandato al primo ottobre.

Metal Gear Solid 5: Sesso e scene di nudo in MGS V The Phantom Pain

L'ente australiano di classificazione dei prodotti multimediali ha infatti affibbiato una grande lettera "R" all'ultima creazione di Hideo Kojima, vale a dire un bollino "Restricted". Metal Gear Solid 5, almeno nella terra dei canguri, sarà dunque disponibile per la vendita solo ad un pubblico maggiorenne, non solo per le scene violente presenti, ma anche per frequenti riferimenti sessuali e immagini di nudo. Il tutto è leggibile nella descrizione del gioco confezionata dallo stesso ente, magari messa in allerta dalla presenza nel cast della sexy guerriera Quiet, fasciata da abiti particolarmente succinti. Sapevate che recenti rumor vogliono Metal Gear Solid V The Phantom Pain in vendita anche in bundle con il prequel Ground Zeroes?

Crediti: Konami