Matteo Renzi da Amici di Maria De Filippi

Ecrit par

Il sindaco di Firenze Matteo Renzi ha tenuto un breve discorso introduttivo durante la puntata di ‘Amici’, il talent show condotto da Maria De Filippi che andrà in onda il prossimo 6 aprile.

Mentre l’uveite affliggeva il proprietario delle reti Mediaset, su Canale 5 se ne sono viste delle belle. Se il salotto di Barbara D’Urso sembra una succursale di un meet up grillino (salvo poi scoprire che più di comparse che di attivisti trattasi), Maria De Filippi, che recentemente aveva messo il naso in Rai come ospite a 'Che tempo che fa', non è da meno e ospita il sindaco di Firenze nonché il rimpianto sconfitto delle elezioni primarie del centrosinistra Matteo Renzi. Sabato 30 marzo, negli studi Mediaset di via Tiburtina è stata registrata la puntata di ‘Amici’ che andrà in onda il prossimo 6 aprile. Il gagliardo Matteo Renzi ha indirizzato ai giovani partecipanti ma soprattutto ai telespettatori del decennale talent show un discorso di qualche minuto sulla meritocrazia e sull’importanza del coltivare i propri sogni.

Matteo Renzi da Amici di Maria De Filippi
matteo renzi amici maria de filippi
matteo renzi amici maria de filippi
matteo renzi amici maria de filippi

Alle critiche di quanti lo hanno biasimato per aver presenziato nel tempio della cultura trash televisiva berlusconiana, Matteo Renzi ha risposto con un appello ai giovani presenti: “Perdonateli se fanno polemiche sui talent ma non perdonate quei politici che vogliono cancellare il talento”. Che Matteo Renzi voglia rendere la politica meno ostica agli occhi dei pidiellini (o potenziali tali) delusi è cosa nota, e del resto quest’opera di evangelizzazione mira a svecchiare l’immagine della res publica come luogo inaccessibile al pensiero di molti, o perlomeno della maggior parte del pubblico di ‘Amici’. Chissà che il dato annunciato da Maria De Filippi all’inizio della trasmissione, quei tre milioni di giovani disoccupati, non faccia riflettere e non risvegli il fervore politico di chi si appresta a votare per la prima volta quest’anno, sempre che le prospettive per il futuro di questa fascia di giovani non siano ancora le nostrane glorie televisive.

Crediti: Archivio web, (Mediaset)