Masterchef 4: Bruno Barbieri, Fabio De Luigi e Paolo, il Trash dell'8 gennaio (VIDEO)

Masterchef 4 | 8 gennaio | Video trash
Ecrit par

Ripercorriamo la puntata dell'8 gennaio 2015 di Masterchef Italia 4 con i video delle tre peggiori scene trash andate in onda. Guarda i video.

Continua la gara a colpi di ricette a Masterchef Italia 4: il talent show culinario di Sky Uno. Dopo la tripla eliminazione di settimana scorsa, nell'appuntamento dell'8 gennaio ad uscire di scena sono state due concorrenti donne: Ilaria (per non esser riuscita ad impiattare in tempo il suo Invention Test al sapor di cozze) e la maid Serena (che non ha convinto i tre giudici nel difficile doppio Pressure Test). Ma eliminazioni a parte, questa queste due puntate ci hanno regalato dei siparietti trash che noi di melty vi riproponiamo in questo articolo. Protagonisti delle clip che troveremo qui in basso sono: Stefano e Chef Barbieri e il piatto innominabile, il catechista Paolo in un momento di crisi e Fabio De Luigi che ci spiega "l'odorosa" somiglianza fra lo spezzatino e i peti in ascensore.

Masterchef 4: Bruno Barbieri, Fabio De Luigi e Paolo, il Trash dell'8 gennaio (VIDEO)
Stefano, Bruno Barbieri e il piatto infernale

Partiamo dal siparietto andato in scena durante la Mistery Box dell'8 gennaio. Il concorrente Stefano ha presentato al cospetto di Chef Bruno Barbieri il suo piatto realizzato con la scatola Inferno: "Appena oltre la corte di fumo" è il nome della portata assegnato dal concorrente. Lo chef stellato sottolinea il fatto che il nome dato al piatto è terribile e consiglia a Stefano di dargli un altro titolo, sul momento. "Inf... inf... infernale... ehm... infernale combinazione" dice timidamente il concorrente.

Lo spezzatino all'odor di peti per Fabio De Luigi

Prova in esterna. I concorrenti giungono sul set del film "Si accettano miracoli" per la prova dei cestini del pranzo. Fabio De Luigi chiede ai concorrenti la cortesia di non fargli trovare un pranzo a base di spezzatino con i piselli. Il motivo? Ce lo dice lui stesso: "Perché nel cestino classico, in cartone, trovi questo spezzatino coi piselli avvolto nella stagnola. E appena apri la stagnola, la sensazione è... quella che si trova quando si entra in ascensore dopo che uno si è lasciato andare".

Il catechista Paolo crolla

Nel tesissimo appuntamento con il Pressure Test, Paolo ha avuto un crollo a seguito dei consigli un po' severi del giudice Joe Bastianich. Queste le parole del business man: "Se vuoi arrivare in finale, devi riuscire a trovare un tuo equilibrio perché non puoi vivere ogni difetto di un piatto come un grave fallimento per te stesso. Finisce che ti tagli le vene qui e muori in cucina". E il catechista Paolo va giù a piangere nel confessionale: "È più forte di me: tutte le volte che sbaglio, mi sento come se mi puntassero una pistola sulla testa". La chiosa è Bastianich è rincuorante: "Oggi il piatto si presenta meglio di te, Paolo".

Crediti: Sky Uno