M5S: Le Quirinarie e il tasto "Off" di Beppe Grillo

Beppe Grillo
Ecrit par

Beppe Grillo interrompe le votazioni per il candidato M5S alla Presidenza della Repubblica, le "Quirinarie", per un presunto attacco hacker. La stessa cosa era successa per le Parlamentarie: ma chi decide di premere il tasto "Off"?

Chi vuole impedire la libera democrazia? Se lo chiedono Beppe Grillo e i suoi elettori, nel momento in cui un presunto attacco hacker ha interrotto sul più bello le votazioni del candidato M5S alla presidenza della Repubblica. Dopo che un analogo attacco hacker aveva disturbato le votazioni parlamentarie online di Dicembre, gli elettori Cinque Stelle abilitati a votare per il candidato Presidente della Repubblica alle "Quirinarie" online sono quindi costretti a ricominciare da capo le operazioni di voto. Questo, dopo che le prime voci diffuse da Repubblica avevano indicato in Gino Strada il candidato in testa alla fine della prima giornata di voto. Tra i favoriti dei grillini ci sarebbe stata anche la giornalista Milena Gabanelli, e altre personalità mal assortite con quella di Beppe Grillo. "Ci scusiamo per questo inconveniente, e chiediamo di ripetere le vostre votazioni, grazie per la vostra pazienza" si legge sul blog di Beppe Grillo, e sembra quasi di sentire la voce di Trenitalia che annuncia un ritardo nei treni. La sensazione di essere presi in giro è la stessa.

"Gli attivisti grillini dovranno ripetere la scelta del candidato al Quirinale. Finché non lo indovinano" scrive Spinoza su Twitter. E il dubbio, a questo punto, sorge spontaneo anche tra gli elettori a Cinque Stelle. Anche quando sul sito di Beppe Grillo appare la nota di Dnv Business Assurance, uno dei gruppi mondiali leader nelle certificazioni, che spiega l'interruzione delle votazioni con una non meglio precisata "anomalia". Beppe Grillo rilancia la partita, organizzando un secondo turno di "Qurinarie" per venerdi 12 Aprile e lanciando l'hashtag #iorivotoilmiopresidente. Che, come spesso accade quando si vuole usare la Rete unicamente per i propri scopi, si trasforma nella barzelletta della giornata: "Quirinarie: ricordatevi di ciucciare il mouse prima del voto", scrive Pier Paolo Porcu; "Nella storia del web l'attacco hacker viene giusto prima delle cavallette" profetizza Antonio Sofi, mentre Ivan Leonte dà una notizia inattesa: "I due marò tornano in Italia, proteggeranno il sito di Grillo dall'attacco dei pirati". Le "Quirinarie" segnano un nuovo passo falso sul cammino della democrazia digitale: tutto questo mentre manca ancora la famosa "piattaforma" per la democrazia diretta (Airesis è ancora utilizzata solo a livello locale) e gli avversari politici si fanno beffe dell'inesperienza dei grillini. E se questi decidessero di togliere l'uso del tasto "Off" a Beppe Grillo? In democrazia, l'esito delle votazioni si scopre solo a urne chiuse.

Crediti: Movimento Cinque Stelle, Quink, Archivio web