Lucca Comics 2014: Le foto dei cosplay Hunger Games, Avengers, Star Wars  

Hunger Games: Il "Fuoco" della Rivolta
Ecrit par

Siamo stati al Lucca Comics and Games, la rasssegna italiana dedicata ai fumetti, videogiochi e cinema. Abbiamo vissuto un giorno da supereroi per osservare da insider il mondo dei cosplay. Che supereroe ho scelto? Un megalomane di ferro…

(di Emanuele Zambon). Bisognerebbe contattare giornali, televisioni, siti e indire una bella conferenza stampa. A quel punto salirei sul palco ed esclamerei: “In un week-end mi sono sparato il concerto dei Kasabian al Palalottomatica di Roma e una bella trasferta in Toscana per il Lucca Comics and Games. La verità è che (pausa ad effetto) sono io Iron Man! ”. Provate infatti voi a svegliarvi alle 6 di domenica mattina: una punizione corporale che nemmeno la Gestapo avrebbe osato infliggere. Aprire gli occhi e scoprire che esiste la vita prima del canto del gallo è roba da rivelazioni di Adam Kadmon. La missione del giorno? Vivere il Lucca Comics and Games da cosplay e far scuotere la testa ai propri genitori. Il pizzetto originale tradisce il mio alter ego: ho scelto Tony Stark, alias il miliardario, filantropo e playboy dagli evidenti problemi a gestire la concentrazione e la serietà, ma altresì geniale e astuto. Il vero Tony Stark lo rivedremo in Avengers 2: Age of Ultron mentre la mia imitazione ha varcato, domenica 2 novembre, le mura dell’incantevole Lucca.

Lucca Comics 2014: Le foto dei cosplay Hunger Games, Avengers, Star Wars  

Una folla oceanica mi attende all’arrivo: migliaia di curiosi, appassionati, famiglie con bambini in estasi. Complice il fascino antico del centro della città di Lucca, sembra di rivivere una tre giorni di festa dell’impero romano, con banchetti, giochi e giullari pronti ad allietare ricche matrone annoiate e pingui regnanti poco attenti alle voglie delle consorti. La mia seconda volta al Lucca Comics (invaso dagli zombie di The Walking Dead, leggi i dettagli) ho cercato di viverla da cosplayer o da aspirante tale: maglia da Avenger attillata, reattore Arc al centro del petto con luce continua, braccio e guanto da Iron Man con fascio di luce, occhiale eccentrico in pieno stile Robert Downey Jr. e cuffie e microfono high tech. Se sono in imbarazzo non lo do a vedere e questo grazie anche ad una moltitudine di folli e appassionati come me. Sembra di essere ad un carnevale infinito, in cui tutti prendono le sembianze dei loro beniamini.

Tony Stark per un giorno...
Tony Stark per un giorno...
Lucca Comics 2014 - L'ala del Lucca Comics riservata a Star Wars
Tony Stark per un giorno...
Lucca Comics 2014 - Lo Hobbit: cosplay in team
Tony Stark per un giorno...
Lucca Comics 2014 - Saw - L'Enigmista: paura a Lucca
Tony Stark per un giorno...

Ci sono proprio tutti: il bounty killer col poncho e sigaro stile Clint Eastwood e il Leonida di 300 i primi che incontro. La difficoltà a muoversi per le vie del centro storico ci fanno somigliare ad una massa di zombie, residuati della notte di Halloween. Mi volto e trovo un collega: è Captain America che mi implora di non andare allo scontro in Civil War, suggellando la pace con uno scatto. Trovo anche il resto degli Avengers: ci sono Vedova Nera e Thor anche se il vero sosia di Chris Hemsworth lo incontro per caso poco dopo: un ragazzo che non sa nemmeno chi sia l'attore ma dalla somiglianza fisica e facciale impressionante. Neanche il tempo di riprendermi dallo stupore che vengo minacciato dai Sith di Star Wars. Messo all'angolo dalle figure minacciose e col reattore Arc ancora in fase test preliminari vengo salvato dall'arrivo di Peter Quill, alias Star-Lord dei Guardiani della Galassia. La pace nei regni è ristabilita e ci scappa un selfie con tanto di didascalia. "Stark-Lord".

Star Wars: Sexy e Barba Sith
Star Wars: Sexy e Barba Sith
Lucca Comics 2014 - Hunger Games: Il "Fuoco" della Rivolta
Star Wars: Sexy e Barba Sith
Lucca Comics 2014 - Batman nei pressi dello stand Warner Bros
Star Wars: Sexy e Barba Sith

Prosegue il mio girovagare per Lucca tra uno Spider-Man e un Batman realistici ai massimi. Giungo all'altare di Hunger Games (vedi il trailer di Mockingjay), recintato e con la Ghiandaia Imitatrice che erutta fiamme. La rivolta è alle porte e centinaia di ragazze scattano selfie col gesto della loro beniamina Katniss Everdeen. Tutto questo mentre sfilano almeno una mezza dozzina di Ezio Auditore. Parliamo del protagonista di Assassin's Creed, celebrato nella villa situata all'interno del parco con una galleria di dipinti "assassini". Tutto molto bello direbbero quelli della Gialappa's ma guardando l'orologio noto che sono le 5 del pomeriggio e ricordo di aver mangiato solo dei cracker. In quel momento capisci che la vera genialata del Lucca Comics sono le botteghe dove ti affettano una pagnotta fragrante e la infarciscono di finocchiona e fontina. L'impresa è mangiare il panino con una mano sola visto che l'altro braccio è bionico. Apriremo poi un capitolo a parte sulle necessità fisiologiche e sulle avventure alla toilette usando una sola mano.

Cosplay che sfidano il freddo
Cosplay che sfidano il freddo
Lucca Comics 2014 - Arcieri con la maschera (anche se lui lo ricordo meno)
Cosplay che sfidano il freddo
Lucca Comics 2014 - Gli X-Men pronti all'Apocalisse
Cosplay che sfidano il freddo
Lucca Comics 2014 - Presenze oscure al Lucca Comics
Cosplay che sfidano il freddo

La giornata di Lucca prosegue con vociare, schiamazzi, flash e musica dal vivo. Arriva il momento tanto atteso: la visita agli stand del collezionismo. Perchè se non vai a Lucca e non compri qualche cimelio che gusto c'è? Per non farmi mancare nulla ho acquistato due action figure di Silver Surfer e Occhio di Falco: totale 45 euro. Le ho nascoste per non scatenare le ire della mamma che si lamenta del fatto, a mio avviso esagerando, che la mia camera è un'orgia di Transformers, personaggi Marvel, dinosauri di Jurassic Park, poster di film, modellini di macchine e trofei sportivi e che per pulirla ogni volta è un'impresa. Questi genitori...manderebbero in galera un innocente. Tornando a noi, la giornata di Lucca volge al termine. Il duro e mesto ritorno alla realtà si palesa sull'autostrada per Firenze: un codone terrificante, roba da rientro di Ferragosto. In quel momento capisci che di Iron Man(diremo addio al Vendicatore in Infinity War? ) hai poco e niente, altrimenti azioneresti i razzi e voleresti verso Roma. Invece ti ritrovi con una pressione vescicale fantozziana e corri al bagno dell'Autogrill ululando. 4 ore e 300 km dopo ti senti solo Tony Sta...nco.

Crediti: Youtube, Emanuele Zambon, melty.it