Leo Messi e il Barcellona: La fine di un impero

La faccia scura di Messi in panchina
Ecrit par

La batosta in Champions League contro il Bayern Monaco sembra mettere la parola fine al ciclo d'oro della squadra balugrana. Dopo un decennio di successi, i catalani di Leo Messi smettono i panni di marziani del calcio europeo.

Barça, è finita? Il Bayern Monaco di Arjen Robben e Frank Ribery ha smontato il mito degli invincibili catalani giudati da Leo Messi. Il passivo è impietoso: dopo il 4-0 di Monaco di Baviera, ieri sera i tedeschi hanno umiliato il Barcellona anche al Camp Nou 3-0, accedendo in finale di Champions league dalla porta principale. La squadra di Heynckes è dunque l'indiziata numero uno ad ereditare lo scettro di regina del calcio continentale. Ironia della sorte, dal prossimo anno l'11 teutonico sarà allenato proprio dal profeta del tiqui taca made in Catalogna, Pep Guardiola. Il capitano aveva abbandonato il timone della nave blaugrana alla fine della scorsa stagione (in favore del comprimario Tito Vilanova), all'indomani dell'eliminazione dei suoi in semifinale Champions contro il Chelsea. Che avesse già fiutato il declino?

Leo Messi e il Barcellona: La fine di un impero - photo
Leo Messi e il Barcellona: La fine di un impero - photo
Leo Messi e il Barcellona: La fine di un impero - photo
Leo Messi e il Barcellona: La fine di un impero - photo
Leo Messi e il Barcellona: La fine di un impero - photo

L'emblema del tracollo spagnolo sono le smorfie del 4 volte Pallone d'Oro Leo Messi. Il numero 10 del Barça è rimasto addirtittura in panchina durante la gara col Bayern, scuro in volto per tutti i 90 minuti di gioco, mentre gli storici compagni di tanti trionfi Xavi e Iniesta arrancavano dietro le scorribande di Robben e soci. Resta il mistero sulla sua esclusione: una "Pulce" non al meglio, o scelta tecnica per preservare la stella in vista della volata finale nella Liga? Già, la Liga, divenuta magra consolazione per un dream team capace di asfaltare ogni avversario. Sarà invece José Mourinho, con il suo Real Madrid, a prendersi l'etichetta degli "zeru tituli". Ma per il calcio spagnolo, nel complesso, non è aria. La Cantera o i miliardi (spesso gonfiati) non bastano più: anche nel calcio è l'ora della Germania.

Leo Messi e il Barcellona: La fine di un impero
Crediti: Youtube, Archivio web