LeBron James: Folle rimonta, Cleveland passa a Boston

LeBron James in maglia Cavs
Ecrit par

Con un ultimo quarto da 20-38, i Cleveland Cavaliers espugnano Boston in rimonta. LeBron James la vince quasi da solo con 41 punti, ma che fatica per i Cavs. Guarda il video highlights di Boston-Cleveland 121-122.

Una cosa è certa (e del resto lo era da un po'): quest'anno, con i Cleveland Cavaliers, ci sarà da divertirsi. E non solo perché la squadra affidata a David Blatt può contare su tre dei migliori giocatori della NBA, LeBron James, Kyrie Irving e Kevin Love, ma anche perché è una squadra “nuova”, riassemblata, con tanti pregi e almeno altrettanti difetti, e prima che riesca ad assestarsi – se ci riuscirà – potrà regalarci tutto e il contrario di tutto. Ne è un esempio lampante la partita della notte passata a Boston, vinta dai Cavs per 121-122 dopo 48 minuti di folli montagne russe con 41 punti (massimo stagionale, dopo la prima tripla doppia contro New Orleans), 4 rimbalzi e 7 assist di “The King”, autore anche dei canestri che hanno ribaltato la gara nell'ultimo quarto. Un tracollo memorabile, quello dei Celtics, che giocano per oltre tre quarti un'ottima pallacanestro di squadra e mandano alla fine in doppia cifra sette dei dieci giocatori scesi in campo, ma, complice l'inesperienza di alcuni elementi, non riescono a contenere la furia dell'ex Miami nelle fasi decisive.

LeBron James: Folle rimonta, Cleveland passa a Boston

Una partita davvero strana, quella del TD Garden: dopo aver concesso la folle cifra di 42 punti ai Celtics nel terzo quarto, Cleveland si ritrova a -12 a 6 minuti dalla fine, dando ancora una volta l'impressione che il mix di leggerezza difensiva e schemi offensivi ancora non metabolizzati possa rivelarsi letale. Nell'ultimo quarto, però, LBJ cambia marcia, e con lui Irving (27 punti) e tutta la squadra, che confeziona un'ultima frazione da 20-38 e ammutolisce il pubblico di casa con il sorpasso, ovviamente opera di LeBron, a poco più di un minuto dal termine. Cleveland non chiude la gara e i Celtics hanno poi l'opportunità di vincerla allo scadere, ma Rajon Rondo, ben contenuto da Shawn Marion (uno dei pochi veri specialisti difensivi della squadra), non riesce nemmeno a scoccare il tiro in tempo utile. Se mai i tifosi dei Cavs dovranno trovare un motto per l'inno ufficiale della squadra, “Pazza Cleveland amala” (ci si permetta il riferimento calcistico) sarebbe più che appropriato.

>>> STATISTICHE E ALTRI HIGHLIGHTS

Crediti: nba, getty