Le tre rose di Eva 3: Il finale, cosa ha funzionato e cosa no

Il finale de Le tre rose di Eva 3
Ecrit par

Le tre rose di Eva 3 si è concluso senza il ritorno di Aurora, come molti avevano sperato. Mentre si aspetta la quarta stagione, scopri secondo melty cos'ha funzionato e cosa no.

Le tre rose di Eva 3 si chiude con un relativamente “lieto” fine con Alessandro padre single insieme alla figlia e alle cognate di fronte a vigne risplendenti al sole del tramonto. Tutto molto bello, ma non era il finale che i telespettatori speravano. Un eccessivo buonismo da parte di Alessandro va a contrapporsi a una cattiveria surreale e malata per quanto riguarda Edoardo, con una doppia morale: da una parte, il pacifismo estremo di vivere “come avrebbe voluto Aurora”; dall’altra, la scoperta illuminante che “non si può contraddire la propria natura” e quando si è malvagi tanto vale abbandonarsi al male. Grazie, ma dopo tredici puntate ci aspettavamo qualcosa di più. Eppure c'è anche qualcosa di apprezzabile in questo terzo finale di stagione. Ecco cosa non ha funzionato e cosa sì.

COSA NON HA FUNZIONATO

1- Aurora non c’è: è andata via, ma per davvero. Inutile non prendere seriamente i post di Anna Safroncik. Se n’è andata per sempre e i produttori della Endemol non stanno facendo i salti di gioia. Anche perché, sui social, ondate di fan hanno minacciato l’abbandono totale della serie se la loro preferita non fosse tornata. Inoltre la morte di Aurora, gestita così, non ha nessun senso. È stata uccisa da un’Isabella qualunque(per gelosia) e a metà di una stagione, in modo totalmente inaspettato. È stata uccisa da un proiettile senza un addio e, soprattutto, perché non a fine stagione? Così è stato davvero un (brutto) fulmine a ciel sereno.

2- Tessa e Ruggero come Beautiful: quel cancello che si chiude, quel portone, quei discorsi fatti e rifatti sul destino. Tessa e Ruggero (qui la fotostoria del matrimonio) danno la fastidiosa impressione che si tornerà ancora al punto di partenza. Chiaro, perché se stessero insieme il motore narrativo finirebbe. Ma di Brooke e Ridge ne abbiamo già una versione, grazie. E come dice qualcuno su Twitter, Ruggero dovrebbe ricominciare a ruggire.

4- La Sfinge Veronica: Veronica ha sempre il momento di “lucidità” e ripensamento alla fine di ogni stagione per poi tornare irrimediabilmente cattiva. Prima ha aiutato Alessandro, poi è salita in macchina con Edoardo. La coerenza non è il suo forte. Scopri Edoardo e Veronica nuovi Bonnie e Clyde5- Il colpo di scena? Non c’è stato nessun colpo di scena, se non la colpevolezza di Isabella (che era stata già ipotizzata, per quanto il personaggio fosse tra gli insospettabili). La cattiveria di Edoardo è ormai la stessa storia da tre stagioni. Alessandro buono fino al paradosso è un’altra non-sorpresa. E Aurora non è tornata.

COSA HA FUNZIONATO

I due fratelli amici e nemici, bene e male, luce e ombra. Prima con il vino, ora con un tesoro. Un ottimo spunto, che presenta il tema del doppio mettendo uno contro l’altro (senza dire chiaramente che, con un legame di sangue, uno E’ anche l’altro). Finché ci saranno Alessandro ed Edoardo, Le tre rose di Eva può pensare di avere un pubblico anche senza Aurora. E poi la fotografia è stata tra le migliori di tutta la serie. L'immagine di Isabella vestita da sposa in cima alla montagna è davvero indimenticabile. Come le ultime panoramiche sulle centinaia di vigne, tra cui quella che porta il nome di Eva. Un punto a favore di Vincenzo Verdecchi, uno dei registi scomparso proprio il giorno prima del finale.

Crediti: Facebook