Le parodie de L’indiece di melty: Il sogno di Dario Brunori

Dario Brunori, Paletti, Levante
Ecrit par

Continua l’appuntamento con le parodie in rima de L’indiece di melty: sulla falsariga di “Guido, i’vorrei che tu, Lapo ed io”, abbiamo immaginato una poesia con Brunori, Levante e Paletti!

Dopo la finale di Champions League dell’indie italiano e lo strampalato incontro tra “Dente Alighieri” ed un terrificante Vasco Brondi, tornano le parodie de L’indiece di melty. La ricetta è sempre la stessa: si parte da una grande poesia del passato per poi stravolgerla completamente, inserendo tra una rima e l’altra gli artisti della scena musicale indie italiana. Per questo nuovo episodio della rubrica ci siamo cimentati con un altro celebre componimento del Sommo Poeta fiorentino: “Guido, i’ vorrei che tu e Lapo ed io”, poesia che Dante Alighieri indirizzò all’amico Guido Cavalcanti. Al posto di Dante, Guido e Lapo, in questo caso, ci siamo divertiti a metterci Dario Brunori, Levante e Pietro Paletti. È proprio a quest’ultimo che il buon Brunori indirizza il componimento, convinto che una collaborazione tra i tre artisti risolleverebbe senz’altro le incerte sorti della situazione musicale italiana. Le rime della parodia seguono lo stesso schema del componimento originale (secondo la regola: ABBA ABBA CDE EDC) così come la lunghezza della poesia è rimasta invariata. La fantastica vignetta, come da tradizione, è stata realizzata da Ser.A Art. Buona lettura!

Le parodie de L'indiece di melty: Il sogno di Dario Brunori
Le parodie de L'indiece di melty: Il sogno di Dario Brunori
"Il sogno di Dario Brunori"

Pietro, i’vorrei che tu, Levante ed io

fossimo insieme a Guardia Piemontese

e dal mio appartamento calabrese

cambiassimo le sorti e il triste obblìo

dell’italian frastuono e del brusìo,

di chi – con che coraggio?! – non s’arrese

ad ascoltare mese dopo mese

obbrobri tipo quel “Pulcino Pio”.

E se le radio non ci ascolteranno

e se Sanremo preferisce Il Volo,

noi costruiremo un grande palco in legno

e canteremo senza alcun ritegno

e, Pietro, noi ci fermeremo solo

se un dì le male sorti cambieranno.

di Gabriele Naddeo - Twitter @GabboNad

Segui tutte le novità del mondo indie italiano sulla pagina Facebook "Sei tutto l'indie di cui ho bisogno" e su "L'indice di melty"

Crediti: web , Ser.A Art