Le Iene: Formigoni vs Campana sulle unioni civili (VIDEO)

Le Iene intervista doppia
Ecrit par

Le iene nella giornata del Family Day hanno fatto un’intervista doppia a Roberto Formigoni e Micaela Campana.

Personaggi decisamente agli antipodi Roberto Formigoni e Micaela Campana. Esattamente come emerge dall’intervista doppia de Le Iene, che colgono l’occasione del Family Day e ne cavalcano le polemiche per ritrarre uno spaccato di “opinioni contrastanti” (per usare un eufemismo) all’interno dell’attualità dell’Italia odierna. Roberto Formigoni è andato al Family Day, “una splendida manifestazione” e “Maroni ha fatto bene a far apparire quella scritta sul Pirellone”. Chiaramente i due parlamentari sono di vedute divergenti sulla Legge in questione, la Legge Cirinnà che legalizza e regolamenta le unioni civili tra omosessuali e coppie di fatto. Campana concorda con le adozioni per i single, Formigoni no (“per le coppie omosessuali è anche peggio”). Ma, incredibilmente, trovano un punto in comune sulla religione: entrambi credenti, entrambi vanno a messa. Ed entrambi favorevoli all’adozione da parte di coppie non sposate.

“I paesi che permettono a omosessuali di adottare bambini [Inghilerra, Germania] sono paesi sbagliati” secondo il punto di vista di Formigoni. Campana invece vorrebbe assumere e fare suo il modello straniero. E sulla step child adoption? Formigoni non ritiene necessario fare una legge per “far adottare il figlio del partner” a un omosessuale. Campana si batte per i diritti per tutti subito e sottolinea che la maternità surrogata, con la step child adoption, rimarrà vietata. Formigoni si ammorbidisce su alcuni temi: giusto per un gay andare in ospedale dal partner, giusto ereditare, giusta la reversibilità della pensione. Le ultime domande, più interessanti, volgono sulla sfera privata del casto Formigoni. È vero, come si sussurra, che è vergine? Ma l'onorevole non ha intenzione di rispondere, o almeno non in questa sede. Alla domanda sul primo rapporto sessuale, su quante donne ha avuto la risposta è sempre la stessa, e poco soddisfacente: "Fatti miei".

Crediti: Le Iene