Le Iene: Nadia Toffa e gli Ulivi del Salento (VIDEO)

Nadia Toffa Ulivi Salento
Ecrit par

Nadia Toffa torna ad occuparsi degli ulivi del Salento malati di Xylella.

Nadia Toffa torna ad occuparsi di Xylella: il batterio killer che ha infettato moltissime coltivazioni di ulivi in Salento dove la massiccia attività di sradicamento delle piante è stata recentemente bloccata dalla Magistratura. In merito a tale questione la Iena aveva intervista Cataldo Motta, Procuratore della Repubblica di Lecce, il quale affermava di aver fatto interrompere l’azione di abbattimento degli ulivi perché una loro consulenza proverebbe come non sia dimostrata la coincidenza tra Xylella e la sindrome da disseccamento rapido dell’ulivo. Oltre a fermare lo sradicamento, la Procura ha altresì indagato 10 persone, tra le quali proprio alcuni scienziati e il commissario del comitato nominato dal Governo. Questi sono accusati, dichiara il procuratore Motta, di “disastro ambientale colposo” e di "diffusione colposa della malattia, perché avrebbero ritardato gli interventi”.

Nadia Toffa aveva lasciato la situazione in mano all’equipe scientifica dell’Università di Foggia e di Caserta che sembra abbiano trovato la cura per la Xylella con un “medicinale” proveniente da agricoltura biologica. Nonostante questo la Procura è stata accusata di andare contro la scienza per la sua sentenza contro l'abbattimento. Sulla questione si è espresso di recente anche il Tar del Lazio qualche settimana fa sentenziando che non c’è nessuna legge che impone lo sradicamento di alberi sani solo perché posizionati al fianco di quelli malati. Nadia Toffa, nella puntata de Le Iene del 14 febbraio, si è recata dalla Coordinatrice per il Cominato contro la Xylella per tentare di mettere d'accordo chi è pro e chi è contro l'abbattimento anche se la Dott.asa sembra saperne molto poco della questione e soprattutto dei recenti e positivi sviluppi. Pronta fin da subito a portare il Commissario sui campi dove si sta tentando di sconfiggere la “malattia degli Ulivi”, La Iena Toffa (dopo due settimane d'attesa) non ha avuto ancora alcuna disponibilità dal Commissario per tentare di aprire un dialogo (in loco) tra lei e chi sta tentato di salvare gli alberi del Salento fonte di vita per molti agricoltori oltre che inestimabile Patrimonio dell’Unesco.

Crediti: facebook