Le Iene, intervista a Michelle Hunziker: "Ho sempre tifato per loro"

Michelle Hunziker intervista a Le Iene
Ecrit par

Michelle Hunziker, qualche giorno dopo la fine di Sanremo, può finalmente sbilanciarsi e confessare per chi ha tifato durante tutto il festival.

Michelle Hunziker è stata sicuramente una delle grandi certezze di questa 68esima edizione del Festival di Sanremo. Un'edizione che verrà ricordata sicuramente non solo per gli ottimi risultati in fatto di ascolti, ma soprattutto per lo scandalo legato alla canzone vincente. La conduttrice, intervistata da "Le Iene", ha confessato di aver sempre fatto il tifo per loro: il duo Fabrizio Moro ed Ermal Meta. Ecco cos'ha confessato: "Mi aspettavo la loro vittoria ed è stata la canzone per la quale ho fatto il tifo. Il cantautore più bravo era Ultimo. Mi emoziona. Non c'è nessun cantante che se la tira, quando arrivi sul palco di Sanremo. Il momento più emozionante è stato Pippo Baudo. Sono una grandissima fan del Mago Forest". Un Festival che ha portato a casa tantissimi successi ma anche un "brutto" momento riguardante i piedi della showgirl: "Sono un pochino stanca, il festival è andato benissimo. Il momento più brutto è stato quando mi sono resa conto che il mio piede destro era diventato uno zampone, per il mio maledetto alluce valgo. Il momento più bello è stato quando ho potuto realizzare il mio sogno di portare la femminilità sul palco con il numero delle donne". E sui co-conduttori? Sentite cos'ha confessato Michelle Hunziker.

Ad accompagnarla in questo viaggio al Festival Di Sanremo sono stati Claudio Baglioni e Pierfrancesco Favino. I tre hanno composto un trio vincente che ha appassionato non poco i telespettatori. Tra le gag inaspettate di Baglioni e la sua imitazione di Belen, tra le interpretazioni di Favino ed il monologo struggente dell'ultima puntata, ed i sorrisi di Michelle, il Festival è stato "servito". "Baglioni? È precisissimo. Proprio peggio di me, uno che guarda qualunque cosa. La cosa bella è che ad un certo punto si è totalmente lasciato andare. Favino? Non ne ha difetti perché sa fare tutto".

Crediti: archivi web