Lady Gaga, Miley Cyrus, Sam Smith nominati ai British LGBT Awards

Lady Gaga in nomination ai British LGBT Awards
Ecrit par

Tempo di premi, cerimonie e serate di gala: accanto a Grammy, Brits e Oscar sono state rese note le nomination ai British LGBT Awards, premi assegnati ad artisti vicini alla comunità LGBT. Tra i nominati troviamo Sam Smith, Lady Gaga e Miley Cyrus.

Tempo di premi, cerimonie e serate di gala: accanto a Grammy, Brits e Oscar sono state rese note le nomination ai British LGBT Awards, premi assegnati ad artisti, gruppi e organizzazioni vicine alla comunità LGBT. Diverse le categorie in gara, e in quella dedicata alle “Music Icon” troviamo alcuni degli artisti più apprezzati a livello internazionale. Lady Gaga ha da sempre appoggiato e sostenuto la causa LGBT: in molte occasioni ha apertamente dedicato i premi vinti a tutte le persone che si sentivano discriminate per il loro orientamento sessuale. In occasione della consegna dei 10 Vevo Certified Awards, i fan di Lady Gaga hanno spiegato il motivo del loro amore verso la popstar: uno di loro ha dichiarato che il videoclip di "Born This Way" "ha cambiato la mia vita e quella di tantissime altre persone. Mi ha fatto capire di non vergognarmi della mia sessualità e di essere a mio agio con il mio corpo”.

Lady Gaga, Miley Cyrus, Sam Smith nominati ai British LGBT Awards

In nomination nella categoria “Music Icon” troviamo anche Miley Cyrus, da sempre schierata contro i pregiudizi di ogni tipo, come dimostra la creazione della sua Happy Hippie Foundation. All’opposto della controversa e sempre provocatoria popstar statunitense, l'elegante e pacato Sam Smith si inserisce tra gli artisti candidati: il cantautore britannico, che ha letteralmente sbancato i Grammy Awards, ha dichiarato la sua omosessualità al mondo e ha affermato come Lady Gaga sia stata un esempio da seguire per non nascondere mai la propria vera essenza. C’è tempo fino al 27 marzo per votare i propri artisti preferiti sul sito dei British LGBT Awards, in programma venerdì 24 aprile a Londra.

Crediti: you tube, JustJared.com