Lady Gaga a Milano: Shopping e Cenacolo

Lady Gaga e Allegra Versace
Ecrit par

Non solo lavoro per Lady Gaga: dopo il concerto al Forum di Assago, Miss Germanotta si è concessa una giornata di shopping e cultura in compagnia di amici. Le tappe? Boutique Versace e il Cenacolo.

Non solo lavoro per Lady Gaga: dopo il concerto al Forum di Assago andato in scena martedì 4 novembre, Miss Germanotta si è concessa una giornata di shopping e cultura in compagnia di amici. Non poteva mancare una visita alla Boutique Versace di Galleria Vittorio Emanuele: come riferito da Repubblica “l’appuntamento, condotto in modo molto discreto, si è svolto al primo piano del negozio, in uno spazio riservato ai personaggi famosi in cerca di privacy. Niente assalto dei fan, dunque, solo abiti, borse e accessori”. Lady Gaga è stata accompagnata nella giornata milanese da Allegra Versace, figlia di Donatella con cui la popstar ha un ottimo rapporto. Miss Germanotta indossava un completo rosso fuoco, top nero e il suo classico copricapo nero. Non solo shopping però: Lady Gaga ha infatti visitato anche Santa Maria delle Grazie dove è custodito il celebre affresco L'Ultima Cena di Leonardo da Vinci.

Dopo l'unica tappa italiana, l'ArtRave Tour di avvia alla conclusione: 6 novembre a Zurigo, 8 novembre a Barcellona, 10 a Lisbona, 13 a Birmingham, 16 a Glasgow, 20 novembre a Sheffield, 22 novembre a Newcastle e grande conclusione lunedì 24 novembre all'Arena Bercy di Parigi. L'ArtRave Tour, serie di concerti a supporto dell'ultimo album di Lady Gaga "Artpop", è iniziato il 4 maggio a Fort Lauderdale negli Stati Uniti ed è poi proseguito toccando Giappone, Sud Corea, Australia e anche Israele: Lady Gaga è stata infatti una delle popstar che ha deciso di suonare nello stato nonostante la delicata situazione politica. Durante gli show la cantante ha sfoggiato costumi originali e stravaganti, alcuni firmati Versace, ma non solo: le scenografie erano enormi ed imponenti, le coreografie stellari per uno spettacolo amato dai little monsters e non solo.

Crediti: corbis, Ansa