Kyenge minacciata: Paura per le figlie

Cécile Kyenge
Ecrit par

I comportamenti incivili di certi italiani stanno iniziando a stancare il Ministro Kyenge. Gli insulti e le provocazioni iniziano a far temere la sicurezza delle figlie. Leggi le ultime notizie su melty.it

“Arrivo a casa stanca per queste continue provocazioni”. Queste le parole del ministro italiano per le integrazioni sociali Kyenge, rilasciate a Repubblica.it durante un’intervista. Il ministro inizia a dar segni di stanchezza e fastidio per le continue contestazioni da parte di incivili razzisti. Prima le parole poco felici di Calderoli, poi gli sproloqui di Borghezio e ora il lancio di banane da parte di Forza Nuova. Sembra che il limite di sopportazione sia arrivato al culmine anche per la diretta interessata. Il ministro Kyenge, sempre difesa a spada tratta dai compagni del PD, ora parla in prima persona e si lascia andare in parole di forte sconforto non perdendo però la sua stoffa da grande incassatrice che ci ha mostrato più volte. Dopo l’invito della figlia più piccola del Ministro che si è rivolta ai razzisti per esortarli a viaggiare e conoscere meglio come gira il mondo, Kyenge ha affermato: "È un invito che condivido: solo il confronto garantisce una maggiore apertura mentale e culturale”.

Kyenge minacciata: Paura per le figlie - photo
Kyenge minacciata: Paura per le figlie - photo
Kyenge minacciata: Paura per le figlie - photo

Il ministro oltre che sensibilizzare il tema affrontato più volte nelle recenti cronache ha riportato alcuni esempi di paesi stranieri: “In altri Stati europei, come la Svezia, ci sono ministri neri, ma non succede a loro quello che accade a me in Italia.” “Non potevo immaginare reazioni tanto violente. Da noi la comunicazione sui migranti ha puntato tutto sulla clandestinità e la delinquenza" ha continuato il ministro Kyenge che ha ribadito l’impegno che partirà il 30 Luglio con l’Unar (ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali) affermando: “Sarà un piano contro il razzismo che coinvolgerà lavoro, sport e scuola per cercare di sensibilizzare a tutte le diversità”. “Le reazioni a questi insulti, che vedo sul territorio, finiscono per unire l'Italia "buona" e forse contribuiranno a risvegliare molte di quelle coscienze che in questi anni si erano un po' assopite" conclude il ministro dicendosi solo preoccupata dell’incolumità per le figlie che potrebbero subire umiliazioni e proteste pubbliche.

Crediti: http://www.melty.it/cecile-kyenge-banane-da-forza-nuova-a112653.html, Archivio web, frontierenews.it, livesicilia.it, .Archivio web