Kristen Stewart: MTV si "scusa" per averla presa in giro

Kristen Stewart, attrice americana
Ecrit par

Clamoroso editoriale di Mtv, che si scusa con Kristen Stewart per averla presa in giro negli ultimi anni. L'attrice è ormai una "diva di classe", per merito dei francesi...

Kristen Stewart è ormai diventata inattaccabile o quasi. Questo sembra essere il senso di un lungo editoriale pubblicato oggi da Mtv, in cui l'attrice diventata una star per il ruolo di Bella Swan in Twilight viene incensata e lodata con toni entusiastici. L' articolo, tuttavia, non si limita ad elogiare Kristen Stewart, ma intende chiedere anche "scusa" all'attrice per averla presa in giro negli ultimi anni. Mtv ammette di essersi sbagliato quando ha schernito l'attrice per le sue velleità artistiche, in quanto "Kristen ora aprirà il Festival di Cannes, dopo aver vinto un César, essere diventata la musa di Karl Lagerfeld e aver girato un altro film con Assayas". L'articolo di Mtv conclude cospargendosi il capo di cenere e ammettendo che i francesi, come fatto in passato con Sean Penn, Ryan Gosling e Jane Fonda, ci hanno visto più lungo. "Kristen Stewart è una diva dell'indie", conclude Mtv, "la Francia l'ha accolta a braccia aperte".

Kristen Stewart: MTV si "scusa" per averla presa in giro

A proposito di Francia, vediamo i futuri impegni di Kristen Stewart. Come detto, è di una settimana fa la notizia che Kristen Stewart sarà al Festival di Cannes con Blake Lively per il film di Woody Allen. Inoltre, sono molti i rumor che vogliono l'attrice sulla croisette anche con "Personal Shopper", il film di Olivier Assayas girato in ottobre a Parigi. Inoltre, Kristen Stewart ("una cuoca formidabile", secondo Nicholas Hoult) si è recata negli giorni al Sundance per presentare il suo nuovo film "Certain Women", che ha ricevuto ottime critiche dalla stampa. La pellicola è un racconto corale dove le vite di tre donne, interpretate da un trio da sogno composto da Laura Dern, Kristen Stewart e Michelle Williams, s'intrecciano in un piccolo villaggio in America.

Crediti: Youtube, Walter McBride, Getty Images