Kate Middleton: Royal Baby, cercasi tata per il viaggio in Australia!

Kate Middleton alla ricerca di una tata!
Ecrit par

Kate Middleton e il Principe William sarebbero alla ricerca di una tata per il Royal Baby George in vista del loro tour di Australia e Nuova Zelanda. Mary Poppins, ci sei? Di più su melty.it.

Se pensate che SOS Tata sia solo un reality show, vi sbagliate di grosso: nel caso di Kate Middleton (fresca di festeggiamenti per il suo trentaduesimo compleanno) e del Principe William, l'appello non potrebbe essere più concreto! I Duchi di Cambridge sono infatti alla ricerca di una tata che li accompagni nel viaggio in Australia e Nuova Zelanda previsto per il prossimo Aprile: il Royal Baby George viaggerà con loro, ed è evidente, quindi, che necessiteranno di aiuti per accudire il pargolo. L'attuale tata del Royal Baby, la settantunenne Jessie Webb - che fu la bambinaia dello stesso Principe William - è oramai giunta alla fine del suo incarico: in ogni caso, per una donna della sua età, barcamenarsi in un viaggio simile sarebbe davvero impensabile. Insomma, qua ci vogliono Tony Stark e la sua tuta da Ironman! O forse Mrs. Doubtfire...

Stando a un insider amico della coppia, "è altamente improbabile che Jessie Webb abbia voglia di fare un viaggio così lungo alla sua età. Se mai optasse per farlo, avrebbe certamente bisogno di un assistente".Il tour in Australia e Nuova Zelanda di Kate Middleton e William durerà, infatti, un mese intero; i Duchi di Cambridge partiranno ad aprile, e per non affaticare eccessivamente il piccolo George (che per allora avrà nove mesi di età) si stabilizzeranno a Sidney, per poi raggiungere da lì le varie tappe del viaggio. Stando a quanto riportato dal Hello Magazine, anche la parrucchiera personale di Kate, Amanda Cook Tucker, dovrebbe prendere parte alla ciurma reale. Chissà se la signora Amanda, oltre alla competenze in fatto di capelli, s'intende anche di bambini: se così fosse, Kate Middleton e William potrebbero avere un aiuto extra senza spendere un penny in più!

Crediti: Archivio web, Darragh Fleming, Mirror.co.uk, Archivi web