Kate Middleton in lutto: morta una sua cara amica

La Duchessa Kate Middleton
Ecrit par

Kate Middleton ha ricevuto la notizia della morte di Tara Palmer-Tomkinson, una sua cara amica. La Duchessa è in lutto…

Kate Middleton è affranta. Mercoledì 8 febbraio la Duchessa ha ricevuto la terribile notizia della morte della sua amica Tara Palmer-Tomkinson. La donna aveva 45 anni ed è deceduta nella sua casa di Londra. Era malata da tempo. Tara Palmer-Tomkinson è conosciuta da sempre negli ambienti della Londra bene, anche perché è una figlioccia del Principe Carlo, in virtù dell’amicizia che lega i genitori della donna alla famiglia reale. Proprio Carlo ha dichiarato attraverso un comunicato che lui e sua moglie, la Duchessa di Cornovaglia, sono “profondamente addolorati” per la notizia della sua morte. Anche se Kate Middleton non ha espresso pubblicamente le sue condoglianze alla famiglia di Tara, è a sua volta affranta: lei e la donna hanno condiviso molte esperienze in passato. Fu proprio Tara Palmer-Tomkinson a consolare Kate Middleton (scopri la sua lezione di vita ai Royal Baby) quando la sua storia d’amore col Principe William si interruppe.

La It-girl dichiarò di aver offerto la sua spalla per piangere a Kate Middleton, quando le persone “si comportavano in modo terribile con lei”. Tara dichiarò di aver conosciuto la futura Duchessa di Cambridge all’inizio della love story col Principe William: “Quando la incontrai per la prima volta con William pensai subito che stessero benissimo insieme. Abbiamo trascorso un sacco di notti di divertimento in situazioni rilassate e quando si separarono per un breve periodo le dissi: 'Tornerà, non ti preoccupare'”. “Lei e sua sorella Pippa – continuava Tara nell’intervista – vennero alla presentazione del libro di mio fratello durante la separazione e le persone la trattarono malissimo, ma sapevo che William sarebbe tornato non appena si sarebbe reso conto di quello che stava perdendo”. La stima di Tara nei confronti di Kate Middleton era tanta. La Duchessa è inconsolabile.

Crediti: Youtube, Archivio web