Jurassic World: Le foto dei dinosauri del film

I nuovi dinosauri del Jurassic World
Ecrit par

Il sito Jurassic World è stato aggiornato con immagini di nuovi dinosauri, ecco le foto delle creature che faranno compagnie all'Indominus Rex. Il film di Colin Trevorrow vedrà anche la presenza delle vecchie glorie.

Se i fan, i critici e i paleontologi hanno avuto di che parlare per settimane all'udire del nuovo dinosauro geneticamente modificato che sarebbe apparso in Jurassic World, l'ormai famoso Indominus Rex, chissà quante ne avranno da dire ora nel guardare le foto pubblicate dal sito Jurassic World. Nella nuova galleria sono state mostrate molte delle new entry con foto e nomi: Sucomimo (Suchomimus tenerensis), Barionice (Baryonyx walkeri), Dimorfodonte (Dimorphodon), il Mosasauro mangia-squali, Anatosauro (Edmontosaurus), Metriacantosauro (Metriacanthosaurus parkeri) e un branco di Microcerati (Microceratus) e naturalmente la principale attrazione del Jurassic Park, il già citato Indominus. Dopo le immagini con Chris Pratt insomma sono arrivati i veri protagonisti del film firmato Colin Trevorrow.

Jurassic World: Le foto dei dinosauri del film - photo
Jurassic World: Le foto dei dinosauri del film - photo
Jurassic World: Le foto dei dinosauri del film - photo
Jurassic World: Le foto dei dinosauri del film - photo
Jurassic World: Le foto dei dinosauri del film - photo

La trama di Jurassic Park 4 si sviluppa 22 anni dopo l'originale Jurassic Park e finora sono stati svelati pochissimi dettagli su ciò che vedremo: la prima scena sarà ambientata a natale e i due piccoli protagonisti interpretati dagli attori Ty Simpkins e Nick Robinson scarteranno il loro regalo per il 25 dicembre, due biglietti per il Jurassic Park. Ovviamente ritroveranno anche le antiche glorie: l'Ankylosaurus, l'Apatosauro, il Gallimimus, lo Pteranodonte, lo Stegosauro, il Triceratopo, il Tyrannosaurus Rex. Mancano all'appello e nella galleria fotografica il Pachycephalosaurus dal tipico cranio corazzato, il Parasaurolophus e il Velociraptor.

Crediti: youtube, web