Jennifer Lawrence umiliata a un provino: "Mi dissero che ero troppo grassa"

Jennifer Lawrence
Ecrit par

Proprio nei giorni in cui le donne si alzano e denunciano le molestie subite da Harvey Weinstein, anche Jennifer Lawrence ha parlato di una brutta esperienza avuta sul set di un film.

Oggi Jennifer Lawrence è un’attrice affermata e famosa in tutto il mondo: i registi più famosi se la contendono, Christian Dior ne ha fatto il volto della maison, e ha milioni di fan in tutto il mondo. Anche lei ha lavorato con il regista Harvey Weinstein – che le ha fatto vincere l’Oscar come migliore attrice per il film Il Lato Positivo – ma ha detto di non aver mai subito molestie mentre giravano la pellicola. “Sono stata davvero disturbata di sentire queste cose sul comportamento di Harvey Weinstein. Ho lavorato con lui cinque anni fa e verso di me non c’è stata alcuna forma di molestia, né ero a conoscenza di fatti analoghi. Questo tipo di abusi sono inscusabili e assolutamente sconvolgenti. Il mio cuore va a tutte le donne che sono state colpite da queste azioni disgustose. E voglio ringraziarle per aver avuto il coraggio di fare un passo in avanti”.

L'ATTRICE JENNIFER LAWRENCE
Jennifer Lawrence
Jennifer Lawrence
Jennifer Lawrence
Jennifer Lawrence
Jennifer Lawrence
Jennifer Lawrence
Jennifer Lawrence
Jennifer Lawrence
Jennifer Lawrence
Jennifer Lawrence
Jennifer Lawrence
Jennifer Lawrence

Recentemente però anche Jennifer Lawrence (qui la pagina Facebook italiana) ha deciso di prendere parola e denunciare un grave episodio che le è capitato qualche anno fa, quando era ancora all’inizio della sua carriera. L’attrice è stata vittima del cosiddetto fat – shaming: ossia, considerata “grassa” è stata sottoposta a un trattamento umiliante da parte di una regista. “Quando ero molto più giovane e ho iniziato a recitare, i produttori di un film mi hanno chiesto di perdere 7 chili in due settimane. Una produttrice mi ha fatto mettere in fila nuda accanto ad altre 5 donne che erano molto, molto più magre di me. Eravamo una a fianco all’altra con solo una mascherina per coprire le parti intime. Dopo quel confronto degradante e umiliante, la produttrice mi ha detto che avrei dovuto usare le mie foto come stimolo per mettermi a dieta”. Una cosa inaccettabile, che purtroppo non è una novità nel mondo di Hollywood.


Crediti: YouTube, Getty Images, Archivi Web