Jennifer Lawrence: Perché miss Hunger Games conquisterà Roma

Jennifer Lawrence
Ecrit par

In occasione dell’anteprima di “Hunger Games 2: La ragazza di fuoco”, in programma al Festival di Roma 2013 il 14 novembre, ripercorriamo la carriera cinematografica della protagonista, Jennifer Lawrence. Scopri di più su melty.it.

Non tutti sanno che il nome di Jennifer Lawrence, prima di essere apprezzato e riconosciuto a livello mondiale – anche dai non cinefili – è stato per molto tempo – e lo è tutt’ora – accostato al cinema indipendente americano. I primi successi infatti arrivano proprio da qual mondo lì: era il lontano 2008 – la Lawrence avevo da poco compiuto 18 anni – quando vinse il premio Mastroianni come migliore attrice emergente alla 65^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia per la sua interpretazione in “The Burning Plain – Al confine della solitudine” di Guillermo Arriaga, accanto a Kim Basinger e Charlize Theron. La promessa in effetti è stata assolutamente mantenuta; Jennifer Lawrence – che sfilerà sul red carpet del Festival di Roma 2013 per l’anteprima di “Hunger Games 2: La ragazza di fuoco” – è attualmente una delle giovani attrici più brave, e ricercate del momento, oltre che la vincitrice del prestigioso premio Oscar nel febbraio 2013, all’età di 22 anni. Inoltre, sempre nel 2013, la rivista “Time” l’ha inserita nella lista delle 100 persone più influenti, nella sezione Artisti.

L’Academy, però, si era accorta di lei ben 2 anni prima – quindi, facendo due brevi conti, all’età dei 20 anni – per il ruolo di Ree Dolly in “Un gelido inverno” di Debra Granik, e le regalò la sua prima nomination all’Oscar – battuta poi da Natalie Portman e il suo “Il Cigno Nero”. Quello della Granik fu il film che lanciò Jennifer Lawrence tra le star del firmamento hollywoodiano e la rese celebre in tutto il mondo ; da quel momento in poi iniziarono a fioccare importanti ruoli e pellicole: la commedia diretta da Jodie Foster “The Beaver”, accanto a Mel Gibson, il ruolo della mutaforma Mystica nei film “X-men – L’inizio” e “X-men – Giorni di un futuro passato” – in uscita nel 2014 – il consolidamento del rapporto con il cinema indipendente americano e l’incontro con David O. Russell, con cui ha girato “Il lato positivo” – la cui interpretazione le permise di vincere un premio Oscar – e “America Hustel”, per cui probabilmente riceverà la terza nomination da parte dell’Academy e in cui recita nuovamente accanto Bradley Cooper e Christian Bale. Il vero successo, però – quello di pubblico – è arrivato solo con il ruolo di Katniss Everdin della saga Hunger Games.

Nel passato di Jennifer Lawrence – probabilmente l’attrice che ha raccolto più recensioni positive negli ultimi anni rispetto agli altri colleghi ventenni – anche molta tv, settore in cui ha esordito: si va dal primissimo ruolo nella serie “The Big Engvall Show” a “Cold Case” e “Medium”, passando per “Detective Monk”. Non tutti sanno, però, che l’attrice americana ha perso un interessante duello contro Kirsten Stuart per il ruolo di Bella Swan nella saga “Twilight”, per cui è stata provinata. Come si dice spesso: “chiusa una parta, si apre un portone”. Sì, quello che l’ha portata dritta dritta all’Oscar. Per quando riguarda invece la vita privata - nonostante la Lawrance sia estremamente riservata e restia a parlare della sua vita sentimentale – sappiamo che il suo cuore batte per Nicholas Hoult, che ricorderete tutti in “About a Boy” – sì, parlo proprio del bimbo – con cui è apparsa all’anteprima mondiale di “Hunger Games 2: La ragazza di fuoco” a Londra – segno che la loro precedente rottura era solo una crisi momentanea. L’appuntamento più prestigioso è giovedì 14 novembre al Festival del Cinema di Roma, mentre nel futuro Jennifer Lawrence all'orizzonte appaiono numerosi progetti, dal premio Oscar Susan Bier all’ultimo capitolo della trilogia Hunger Games, diviso in due parti: una sul grande schermo il 21 novembre del 2014, e l’altra il 20 novembre 2015.

Crediti: Youtube, web , Archivio web