Harry Potter: J. K. Rowling, "Non ho mai voluto fare un libro su 'The Cursed Child'"

Albus Severus Potter a 11 anni
Ecrit par

In una recente intervista, J. K. Rowling ha spiegato perché non ha mai immaginato di raccontare l’ottava storia di Harry Potter, ‘ The Cursed Child’, in vesti di libro.

Dopo che la produzione di “Harry Potter and the Cursed Child” ha rivelato che il sequel della saga di J. K. Rowling sarebbe stato sotto forma di spettacolo teatrale, c’è stata una netta spaccatura tra i fan del maghetto con gli occhiali. Qualcuno ha manifestato felicità per l’occasione di scoprire che cosa succede di preciso 19 anni dopo la battaglia finale contro Voldemort; qualcuno è rimasto deluso per il fatto che l’ottava storia di Harry Potter non sarà un libro, ma uno spettacolo; qualcun altro ha semplicemente pensato “Meglio di niente”. A prescindere dalle reazioni degli appassionati, recentemente J. K. Rowling ha spiegato qualcosa di più su questa scelta che ha fatto discutere e che – almeno fino a quando lo spettacolo non uscirà in DVD o non sarà portato fuori dall’Inghilterra – per il momento precluderà a molti fan la possibilità di ammirare le nuove avventure di Harry e di suo figlio Albus Severus.

“Riguardo a un sequel di Harry Potter ho sempre detto “mai dire mai”. Ho sempre avuto delle idee su quello che succede 19 anni dopo la saga. Personalmente non avevo un desiderio particolare di raccontare la storia in vesti di libro”, ha spiegato la scrittrice in una recente intervista con Simon Mayodurante la quale J. K. Rowling ha anche rivelato di star lavorando a un nuovo emozionante progetto. Le ragioni di questa scelta, per la scrittrice, saranno chiare quando le persone vedranno lo show. “Dirò soltanto che questo spettacolo non ci sarebbe mai stato se non avessi trovato questo particolare team di artisti. Sono straordinari e credo che insieme riusciremo a creare un’esperienza fantastica per gli spettatori”, ha spiegato J. K. Rowling specificando di non essere “Andata alla ricerca di questo progetto. È il progetto ad avermi trovata”.

Crediti: Warner Bros, Warner bros