Harry Potter: I 3 ritorni a Hogwarts più belli dei libri

Harry Potter, back to Hogwarts!
Ecrit par

Il 1° settembre Harry Potter torna ad Hogwarts con l’Espresso del binario 9 e ¾: ecco i tre migliori ritorni a scuola del nostro maghetto preferito.

Back to Hogwarts! Il 1° settembre Harry Potter e tutti i maghetti della scuola di magia più famosa del mondo prendono l’Espresso al binario 9 e ¾ e tornano sui banchi di scuola. Su Twitter, non per nulla, oggi (1° settembre 2015) impazza l’hashtag BacktoHogwarts. Tra circa 15 giorni, inoltre, tutti i bambini e i ragazzi del mondo torneranno nelle loro amate/odiate scuole, per un anno di avventure, difficoltà e divertimenti. Insomma, esattamente come Harry Potter, Hermione Granger, Ron Wesley e tutti i loro amici: con l’unica differenza che nel mondo reale non c’è magia. A ogni modo, in occasione del ritorno di settembre, abbiamo deciso di stilare la classifica dei tre migliori ritorni ad Hogwarts della saga di Harry Potter. L’inizio di ognuno dei sette libri di J.K. Rowling, infatti, rappresenta forse il momento di maggiore identificazione dei giovani lettori con i protagonisti della storia: i libri di Harry Potter riescono a trasmettere quella sensazione di attesa e paura del nuovo anno scolastico che comincia, con il suo carico di misteri e novità. Andiamo dunque alla scoperta dei tre migliori ritorni ad Hogwarts!

Harry Potter: I 3 ritorni a Hogwarts più belli dei libri

3. Harry Potter e il Calice di Fuoco: Il romanzo del passaggio di Harry Potter dalla pubertà all’adolescenza inizia, per l’appunto, con un cambio di marcia grandissimo rispetto ai precedenti tre libri. Il viaggio in treno è ridotto ad una sequenza molto breve, mentre i toni cupi e quasi horror la fanno da padroni: come dimenticare il terribile Voldemort-neonato seduto su una poltrona sognato da Harry? La spettacolare partita di Quidditch che segna l’evento centrale dell’inizio del romanzo e l’intro da incubo di cui abbiamo accennato prima rappresentano infatti il passaggio all’età adulta di Harry: paura e sfida sono infatti le parole chiave del libro, che vedranno il protagonista impegnato nel torneo TreMaghi e finire tra le grinfie di Voldemort alla fine del libro. Uno degli inizi più originali dei tre libri.

Harry Potter: I 3 ritorni a Hogwarts più belli dei libri

2. Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban: L’inizio del terzo libro della saga del maghetto non meriterebbe particolare attenzione, essendo abbastanza canonico nel suo intro a casa dei Dursley e poi nel viaggio liberatorio verso Hogwarts. Tuttavia, J. K. Rowling raggiunge qui una delle vette di tensione di tutti e sette i libri: La scena del Dissennatore che appare sull’Espresso per Hogwarts è puro thriller che non ha nulla da invidiare a Stephen King. Brava J.K., altro che Piccoli Brividi.

Harry Potter: I 3 ritorni a Hogwarts più belli dei libri

1. Harry Potter e la Pietra Filosofale: la prima volta non si scorda mai! L’intro del primo e più importante libro di Harry Potter è anche quello più poetico e riuscito. Le ansie, le paure, ma anche l’attesa e l’eccitazione che contraddistinguono il primo giorno di scuola vengono trasportate nel mondo di fantasia dei libri in modo perfetto, facendo immedesimare milioni di bambini in tutto il mondo. La prima volta che Harry incontra il timido Ron e la saputella Hermione sull’Espresso per Hogwarts è diventata probabilmente il “viaggio verso il primo giorno di scuola” più famoso della letteratura e, poi, del cinema. Di recente, tra l’altro,è stato anche parodiato da una geniale gif che fonde i mondi di Harry Potter con quello di Nymphomaniac.

Crediti: Harry Potter, Archivio Web, Archivi web