Gwen Stefani e Angelina Jolie: Figli gender a sfidare i tabù

Gwen Stefani a spasso con i figli
Ecrit par

Sulle orme della coppia Angelina Jolie-Brad Pitt, che lascia vestire con abiti maschili la piccola Shiloh, anche Gwen Stefani ha confessato che i suoi figli giocano con gli smalti e il più grande vuole mettere il tutù.

L’apparizione pubblica in abiti maschili della bellissima figlia di Brad Pitt e Angelina Jolie, la piccola Shiloh (che preferisce farsi chiamare John), dopo un momento di stupore ha sicuramente aperto nuovi scenari. Lasciando alla figlia di otto anni la libertà di assecondare i suoi gusti, Brad e Angelina hanno dato un grande esempio, ancor di più l’attore e sex-symbol che, per “solidarietà”, si è mostrato con le unghie smaltate. Una scia che qualcuno ha già cominciato a seguire. Si tratta della popstar Gwen Stefani, che ha confessato al sito PrideSource: ”Ho 400 smalti a casa con cui i miei figli si divertono” e che Kingston, il più grande, ha voluto indossare il tutù per andare a scuola.

“Non ci vedo nulla di strano. Sono abituati a vedermi mentre mi trucco, mi faccio le unghie, circondata da tre assistenti gay che mi aggiustano tutto il tempo” , ha continuato Gwen Stefani, per poi concludere: “La cosa non mi spaventa. Voglio che i miei figli siano come vogliono”. Non si tratta chiaramente di primi casi simili, ma quando si cominciano a sdoganare certi tabù è più facile esternare situazioni solitamente tenute nascoste. Un precedente famoso è quello di Chastity, la figlia di Cher e Sonny Bono, la cui storia è diventata anche un film del 2011, “Becoming Chaz”, il nome che ha assunto da uomo. La cantante non ha esitato a raccontare in quell’occasione: “C’è voluto molto coraggio da parte di mia figlia, la mia bambina bionda di un tempo, a diventare uomo. Più di quello che ho avuto io ad accettare questo suo cambiamento“.

Crediti: web , indepentent