Gomorra - La Serie: Recap, trama e commento season finale Raitre

Gomorra - La Serie si è ufficilamente concluso!
Ecrit par

Finalmente anche Raitre ha avuto modo di vedere il finale di Gomorra – La Serie. Un finale terribile e teso, ben scritto e con tante morti eccellenti. Ecco recap, spoiler, trama e commento del finale di serie.

Al suo atto finale Gomorra – La serie non delude le aspettative dei numerosi fan incollati davanti alla tv anche su Raitre per vedere il finale della prima stagione. Chi aveva già visto la serie su Sky o al cinema sapeva già a cosa si sarebbe andati incontro, mentre per tutti gli altri si è trattato di un susseguirsi incredibile di sorprese ed eventi incredibili. Gli sceneggiatori e Sollima hanno costruito uno spettacolo ancora una volta eccelso, pregno di male e violenza e con un carico deflagrante di adrenalina e tensione. Mai come in questi due episodi si è riusciti a costruire un impianto drammatico così incerto e teso. Quanto andato in onda sabato 21 febbraio su Raitre è stato il giusto epilogo per una stagione praticamente perfetta che ci ha regalato un finale aperto che rimanda molte questioni alla prossima stagione. Una conclusione a suo modo inaspettata per come si erano messe le cose ma comunque coerente con l'impianto narrativo e la natura dei suoi protagonisti. A schermi spenti e osservando psicologia e caratterizzazione dei personaggi non poteva che andare in questo modo. Le scelte sono state azzeccate e hanno tutte funzionato alla perfezione.

Quello a cui nessuno voleva credere è alla fine successo. Ciro Di Marzio ha vinto la sua battaglia ed è diventato il nuovo boss del clan Savastano. Un risultato raggiunto non senza pesanti conseguenze e con un'alleanza con Salvatore Conte assolutamente incredibile. L'Immortale ha praticamente distrutto ciò che rimaneva del suo clan e della famiglia Savastano, l'ha stritolata tra le mani e ha vinto, con la ferocia e la freddezza del grande calcolatore, con la fortuna che dall'inizio lo ha accompagnato. É lui la perfetta incarnazione del male assoluto che la serie ci ha mostrato sin dal primo episodio e lo è ancora di più dopo queste due puntate. Ha salvato se stesso e ottenuto quello che voleva ma ad un carissimo prezzo, la perdita forse definitiva della sua famiglia e dei suoi cari, ma soprattutto dell'ultimo briciolo di umanità che gli era rimasta. La guerra che tutti si attendevano si è scatenata, ma a scontrarsi non sono state le due famiglie rivali, ma vecchi e nuovi membri del clan Savastano. Il messaggio lanciato dagli autori è stato chiaro: inutile cercare il male fuori di sé quando esso alberga già nella propria e più profonda intimità. Obiettivo della serie era raccontare il gorgo nero di una famiglia camorrista e malavitosa che alla fine si è rovinata con le sue stesse mani e per colpa del marciume di ogni suo membro.

Nessuno in Gomorra – La serie si è salvato. Nell'11° episodio la faida è stata solo accennata, nel 12° è invece deflagrata in tutta la sua brutalità. Evento scatenante è stata la morte incredibile di Donna Imma. É stata lei a scoprire tramite una registrazione il piano di Ciro e le sue menzogne, lei a sacrificarsi per poter dare a suo figlio la migliore arma possibile per vendicarsi del suo ex amico. La sua morte è stata la più traumatica di questa prima stagione e per questo la più importante. Ciro e Genny hanno così potuto gettare le maschere e affrontarsi a viso aperto, in uno scontro epico e incredibile. Non a caso i due episodi si sono entrambi aperti con un funerale e chiusi con due omicidi. Non a caso a morire sono stati i due membri più in vista dei Savastano. Nello scontro finale ha vinto la freddezza di Ciro, capace di allearsi con Conte e di sfuggire ancora una volta alla morte. E lo scontro finale con Genny è stato carico di tensione e incertezza. Una sparatoria nel bel mezzo di una recita scolastica. L'utilizzo dei bambini e della loro innocenza è stato solo l'atto finale ordito dagli autori per descrive la degradazione del mondo criminale che hanno voluto raccontare. A pagare è stato Genny, colpito a morte (?) dai colpi di Ciro e incapace di arginare la scia di morte scatenata dall'Immortale e da Conte. Un finale perfetto in tutta la sua negatività: a vincere è stato il male assoluto, incarnato da uno dei protagonisti più negativi della storia seriale italiana. Il cerchio si è chiuso, ma lasciando aperta una porta importante per la seconda stagione di Gomorra – La serie.

Sono però le ultime scene a mostrarci che la storia dei Savastano non è finita qui. Durante il trasferimento Don Pietro viene liberato e si dimostra molto più sveglio e attivo di quanto ci aveva fatto credere di essere. Il suo personaggio sembra destinato ad un nuovo ruolo da protagonista. L'ultimo frame del 12° episodio è invece il più classico dei colpi di scena: il corpo inerme di Genny ha infatti un piccolo sussulto, la sua mano si muove per una morte non più così certa come ci era sembrata inizialmente. Insomma, Gomorra – La serie chiude qui il suo primo ciclo di episodi e lo fa potenziando ogni suo elemento distintivo. É l'ennesima dimostrazione di quanto il progetto sia stato ben diretto e ben scritto, perfettamente coerente in tutta la sua impalcatura. Un prodotto che ha già riscritto gli standard qualitativi della serialità italiana e si appresta a diventare un cult di infinite proporzioni. Gli episodi finali sono stati la ciliegina sulla torta di 12 puntate puntate perfette in ogni dettaglio, con una storia solida e capace di appassionare e tenere incollati allo schermo. Ora bisognerà solo armarsi di pazienza e aspettare con trepidazione la seconda stagione. Per ora possiamo comunque essere orgogliosi che una serie di questo livello sia stata prodotta nel nostro Paese.

Manuel Lai

Crediti: Archivio web, Sky