Gomorra 2 - La serie: Marco D’Amore e Claudio Cupellini, intervista ai Nastri d’Argento (Video)

Marco D'amore e Claudio Cupellini ai Nastri d'Argento 2016
Ecrit par

Marco D’Amore e il regista Claudio Cupellini hanno sfilato ai Nastri D’Argento 2016, l’intervista esclusiva su Gomorra 2 e sulla terza stagione!

(a cura di Thomas Cardinali) - La serie dell’anno non poteva mancare sul red carpet dei Nastri D’Argento (guarda l'intervista a Moisè Curia di Braccialetti Rossi) , anche se l’attore Marco D’Amore e il regista Claudio Cupellini erano presenti per altri lavori. Il primo era candidato come miglior produttore e miglior soggetto per “Un Posto Sicuro”, mentre il secondo è stato nominato per “Alaska”. Un riconoscimento che ha inorgoglito il regista chiamato da Stefano Sollima dietro la macchina da presa per Gomorra 2 - La serie: "Girare Alaska è stata una piccola Odissea, il fatto di essere ai Nastri è una soddisfazione perché viene riconosciuta la bontà del tuo lavoro”. Il regista ha continuato parlando nello specifico dell’esperienza nello show di Sky: “L’esperienza di Gomorra rimane qualcosa di estremamente importante e formativo all’interno di tutto il lavoro che ho fatto finora. È qualcosa che non si è mai visto in Italia per questo mi rende molto orgoglioso”. Nelle ultime settimane si era sparsa la voce di una polemica tra Marco Palvetti (leggi la smentita dell'attore) e la produzione durante le riprese di Gomorra 2 che ne aveva portato la morte, ma Claudio Cupellini ha subito smentito la cosa: “Ho uno splendido rapporto con Marco Palvetti, non c’è stata alcuna litigata sono cose che nella lunga serialità succedono. Credo che con il tempo l’insoddisfazione del pubblico si trasformerà in qualcos’altro perché arriveranno anche altri nuovi personaggi”. Arriva poi una breve, ma succosa anticipazione per quella che sarà la terza stagione di Gomorra già conservatissima da Sky Atlantic: "Se continuo a sentirmi bene ci sarò nella terza stagione”.

Marco D’Amore ha voluto rimarcare il fatto di non essere presente ai Nastri d’Argento in qualità di attore: “È una grandissima soddisfazione essere qui ai Nastri d’Argento e sono candidato come miglior soggetto e miglior produttore, c’è un altro tipo di respiro quindi è molto piacevole”. Poi fa il pompiere per spegnere i fuochi di entusiasmo attorno a Gomorra 2 (leggi il report degli episodi 7 e 8): “Io non direi ancora che è un successo, mancano ancora tre settimane alla fine della stagione. Per adesso sta andando magnificamente e ci ripaga di un anno e mezzo di lavoro”. L’interprete di Ciro Di Marzio ha voluto raccontare anche la scena più epica e discussa della seconda stagione di Gomorra, ovvero quella dell’addio a Salvatore Conte che ha visto il suo personaggio coinvolto in prima persona: “C’è stato un lungo lavoro soprattutto per gli effetti speciali, c’erano tanti punti di vista sull’azione. Non è difficile mascherare il trucco, è stato anche difficile per Marco Palvetti che per tanto tempo ha dovuto fissare una posizione a terra rimanendo immobile. Penso ci siamo riusciti egregiamente”. Sul suo futuro nella serie in onda su Sky Atlantic non si è voluto sbilanciare: “Il progetto di Gomorra è molto più importante di registi e attori, l’importante è che continui con questa qualità. Chiunque ci sarà dovrà fare i conti con questo e risponderne”.

Crediti: Nausica Frau, Thomas Cardinali