Gigi Hadid all'attacco dei social network in un'intervista a cuore aperto

I look di Gigi Hadid
Ecrit par

Gigi Hadid ha passato una settimana con il telefono spento: ora che è di nuovo nel cloud, ecco la sua posizione nei confronti dei social network.

Gigi Hadid ha passato un'intera settimana tenendo il telefono spento per disintossicarsi dalle pressioni della vita sui social: uno scherzetto che le è valsa la polemica per aver tardato nell'augurare buon compleanno all'amica storica Taylor Swift, anche se è più che comprensibile che una superstar senta il bisogno di staccare la spina di tanto in tanto. In una intervista per W Magazine la topmodel ha raccontato come ha passato le giornate senza telefono, rivolgendo parole molto dure nei confronti dei social network.

I LOOK DI GIGI HADID
I look di Gigi Hadid
I look di Gigi Hadid
I look di Gigi Hadid
I look di Gigi Hadid
I look di Gigi Hadid
I look di Gigi Hadid
I look di Gigi Hadid
I look di Gigi Hadid
I look di Gigi Hadid
I look di Gigi Hadid
I look di Gigi Hadid
I look di Gigi Hadid

"È aria fritta. La commedia giornaliera che la gente porta avanti sui social è aria fritta" ha commentato Gigi "sono sempre tutti pronti a giudicarti. Per esempio, che ne so, ci sono giorni in cui non ho voglia di stare lì a pensare a cosa mettermi per uscire di casa e quindi indosso la prima cosa che trovo, che magari è un accessorio particolare, insolito, che mi piace, che mi diverte. E giù tutti a scrivere: ma come ti sei conciata? È frustrante". Gigi Hadid ha passato le giornate lontana dal telefono riscoprendo qualche hobby del passato e sperimentando nuove attività, come per esempio l'immersione subacquea e la realizzazione di braccialetti fatti a mano: "Ne ho fatto uno per il mio fidanzato e uno per mia sorella, come quando ero al liceo" ha raccontato sorridendo. Ora Gigi ha deciso di tornare nel cloud, ma con una nuova consapevolezza: "Bisogna accettare che non potrò mai dimostrare a tutto il mondo chi sono veramente, e che le persone ti giudicano e tu non puoi impedirlo. Devo imparare che non posso controllare tutto".

Crediti: Josiah Kamau, Getty Images, Noam Galai, Raymond Hall, JNI/Star Max, Karwai Tang, James Devaney