Gigi D'Alessio: Il testo di Malaterra è online

Gigi D'Alessio: il testo di Malaterra
Ecrit par

Gigi D'Alessio si è messo in gioco per la sua vicina Terra dei Fuochi. La colonna sonora del documentario Malaterra è un suo brano, da oggi disponibile nei digital store. Leggi il testo su melty

, come già annunciato nei giorni precedenti, è l'autore della colonna sonora del documentario Malaterra. Il docufilm, con la regia di Ambrogio Crespi e Sergio Rubino, affronta il tormentato tema dello smaltimento dei rifiuti nella Terra dei Fuochi - fra le tante, si parla di quella campana, da anni deturpata a causa dei roghi di rifiuti, in certe occasioni anche rifiuti tossici. Dopo aver presentato il film al Taormina Film Festival, il cantautore napoletano ha messo a disposizione il testo della canzone su Facebook, ma non il brano. Ha infatti intenzione di venderlo nei digital store, per meglio contribuire alla causa: "È per me molto più di una canzone. Acquistando questo brano contribuirete a portare un aiuto concreto a una delle terre più belle del mondo. Sono certo che insieme ce la faremo. Con voi, ho sempre vinto. Vi abbraccio uno ad uno."

Dichiarazione tutta nel suo stile, sempre amorevole (ai limiti della ridondanza) con il suo pubblico, che ricambia con fedeltà proporzionata. Gigi D'Alessio ha avviato una fase più socialmente impegnata della sua vita da artista: successivamente al suo avvicinamento ai Radicali - condivisibile o meno - sta cercando in tutti i modi di non lasciarsi intrappolare nella gabbia del gossip e dello show business, che dopo una serie dispiacevoli vicende mediatiche, iniziano a dargli noia. Non cheMarco Pannella gli abbia mostrato la via della redenzione, ma perlomeno Gigi D'Alessio non ha più il tempo di lasciarsi stuzzicare dalle punzecchiature di Alfonso Signorini. Ecco dunque il testo di Malaterra, scritto per quest'occasione in dialetto napoletano, proprio come il Gigi dei primi tempi.

IL TESTO DI "MALATERRA"

"Si veco a tte’…. me sbatte o’ coree nunn’o saccio cchiu’ ferma’ pecche’si tu… tu si l’ammore ca io trovo sulamente cca’ cu ll’uocchie apierto aggiu cercato e te sunna’ a notte o’ jurno e a sera e te vedevo senza te pute’ tucca’ tu Malaterra neraVulesse sta sempe cca’ sule p’accarezza’ chisti viche che scenneno comm’e capill’e na femmena pe te vasa’ proprio comme si fusse mamma’ pe senti’ chestu sale ca nun trovo int’a nata citta’ dimme pecche’ quanno stongo cu tte io ritorno criature e me sent’o calore d’int’a llanema nun puo’ capi’ si te veco e suffri’ Malaterra, si a te fanno male io me sento e muri’Ne fatte scrivere canzone pure a chi nun sape leggere e suna’ ne fatte nascere poete ca tutt’o munno hanno fatto canta’ io pure quando sto luntano songo napulitane pecche’ so figlio e chistu mare so Malaterra e ammoreVulesse sta sempe cca’ sulamente a guarda’ quann’o sole accarezze sti case e’ puttane s’addormeno stu cielo cca’ nunn’o trovo int’a nata citta’ chesta luna e a cuperta e chi o friddo nun sape scarfa’ primm’e muri’ famme sule senti’ ca stu fuoco nu brucia a speranza a sti figli pe’ crescere tu schiava e te ma regina pe mme’ Malaterra si lacrem’e zucchere e io sacci’o pecche’! pure pe mme! !!"

Crediti: Gigi D'Alessio, Facebook