Giffoni 2013: La lista dei film vincitori

Giffoni Film Festival 2013
Ecrit par

Per il Giffoni Film Festival edizione 43 è arrivato il giorno delle premiazioni. I giovani giurati insieme all’attrice Anna Maria Barbera, la simpatica Sconsolata, hanno premiato i film vincitori. Scopri di più su melty.it!

Bullismo, rapporto padre - figlio, avventura, adozione gay ed emarginazione, la dura realtà sociale dell’America latina: sono questi i temi dei film che hanno vinto la 43esima edizione della rassegna cinematografica per ragazzi più importante al mondo: il Giffoni Film Festival. La manifestazione che ha visto ospiti del calibro di Jessica Chastain, Sacha Baron Cohen, Naya Rivera, per non parlare dei ‘nostri’ Bellocchio (padre e figlio), Roberto Saviano e Max Pezzali si è conclusa con la soddisfazione di tutti: organizzatori e ragazzi. Un successo che traspare anche dai numeri: circa 200mila presenze in undici giorni, distribuite tra i vari eventi. Ai 3mila giurati provenienti da 41 Paesi e 160 città italiane, si aggiungono i 100mila spettatori che hanno assistito alle anteprime e agli eventi speciali distribuiti tra Sala Truffaut, Sala Alberto Sordi e Sala Lumière. Questi sono i film vincitori della 43a edizione del Giffoni Film Festival:

MIGLIOR FILM

  • ELEMENTS +6: THE FAMOUS FIVE 2 by Mike Marzuk (Germany)
  • ELEMENTS +10: MIKE SAYS GOODBYE by Maria Peters (The Netherlands)
  • GENERATOR +13: REGRET by Dave Schram (The Netherlands)
  • GENERATOR +16: THE GOLDEN CAGE by Diego Quemada-Diez (Mexico / Spain)
  • GENERATOR +18: ANY DAY NOW by Travis Fine (USA)

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

  • ELEMENTS +3: THE CATCH by Josh Carroll, Scott McMhinnie (USA)
  • ELEMENTS +6: BOBBY by Mehdi M. Barsaoui (Tunisia)
  • ELEMENTS +10: WEEKEND DADDY by Johan Stahl Winthereik (Denmark)
  • GENERATOR +18 (animation) (ex equo): BUT MILK IS IMPORTANT by Anna Mantzaris, Eirik Grønmo Bjørnsenl (Norway) e MAMMA MIA by Milena Tipaldo, Francesca Marinelli (Italy)
  • GENERATOR +18 (fiction): PENNY DREADFUL by Shane Atkinson (USA)
  • MASTERCLASS (ex equo): FATHER by Ivan Bogdanov, Veljko Popovic, Moritz Mayerhofer, Asparuh Petrov, Rositsa Raleva, Dmitry Yagodin (Bulgaria / Croatia / Germany) e THE BOOK OF DEAD by Alain Escalle (France)

Anna Maria Barbera con la figlia Charlotte ha preso parte alla cerimonia di premiazione con un intervento di una quindicina di minuti in cui ha fatto ridere e riflettere sui giovani, sui figli, così spesso incomprensibili, ma a volte anche incompresi, con la verve e l'ironia che la contraddistingue. "Ho lanciato un monitor" ha detto l'attrice, comica e scrittrice, che ha affrontato nel suo discorso anche il problema della dipendenza dalle droghe, prima di ricevere il Giffoni Experience Award. "Questo premio significa molto per me. Vuol dire avere la stima di tutti voi, dei ragazzi, delle famiglie e con i giovani non si può mentire! ". Raggiunta dalla figlia Charlotte sul palco, ha chiuso il suo momento con la toccante lettura di un estratto del libro Il profeta di Kahlil Gibran, incentrato proprio sui figli. Un finale, quello del Giffoni Film Festival, che ha emozionato e fatto riflettere, dando voce ai giovani e alle loro aspettative, dimostrando come la voglia di fare e l'entusiasmo vengano sempre premiati e come un paese piccolo, come Giffoni Valle Piana, sia riuscito ad aprirsi grandi e impensabili orizzonti.

Arrivederci all'anno prossimo!

Crediti: Giffoni Film Festival 2013, naya rivera, Violetta, jessica chastain, alessandro siani, marco bocci, eddie redmayne, Roberto Saviano, Max Pezzali