Game of Thrones, Medici: L’incontro con Richard Madden al Roma Fiction Fest (Foto,Video)

Richard Madden durante la masterclass per  "Medici"
Ecrit par

Richard Madden era star internazionale più attesa al Roma Fiction Fest, guarda i video e le foto della star di Game of Thrones alla masterclass di presentazione di “Medici” su melty!

(a cura di Thomas Cardinali) - Sabato 14 novembre era una delle date più attese al Roma Fiction Fest 2015: dopo una lunga rincorsa Richard Madden ha presenziato alla masterclass sulla serie “Medici – Master of Florence” e ha sfilato davanti a centinaia di fan sul red carpet. L’attore è arrivato puntuale a bordo della sua vettura intorno alle 16:20 accolto da grida e applausi, oltre che da tutta l’organizzazione del festival presieduta dal presidente della Fondazione Cinema per Roma Piera De Tassis. Richard Madden si è concesso ai fan per più di 15’ di selfie e autografi, quasi tutti su merchandising legato alla serie “Game of Thrones”. L’artista scozzese è ormai una star internazionale anche dopo il live action Cenerentola, ma alla fine per il pubblico di tutto il mondo resterà sempre e semplicemente “Il Re del Nord” Robb Stark. Guarda le immagini del photocall, i video sul red carpet e durante la masterclass insieme ai produttori della serie Luca Bernabei, Matilde Bernabei, Eleonora Andreatta e allo sceneggiatore Frank Spotnitz su melty!

Richard Madden durante la masterclass per  "Medici"
Richard Madden durante la masterclass per "Medici"
Game of Thrones 6 - Richard Madden durante la masterclass per  "Medici"
Richard Madden durante la masterclass per "Medici"
Game of Thrones 6 - Richard Madden durante la masterclass per  "Medici"
Richard Madden durante la masterclass per "Medici"

La masterclass fa registrare il tutto esaurito come nessun altra in questa edizione del Roma Fiction Fest 2015. L’incontro è moderato da Piera De Tassis, che prima dell’evento legge un messaggio di cordoglio dopo gli attentati accorsi a Parigi nelle ultime ore e rivendicati dall’Isis. La kermesse romana si è schierata quindi contro il terrorismo, cancellando i tradizionali party di chiusura ma tenendo invariato il programma e la presenza di una star come Richard Madden non è altro che un forte rilancio per la cultura. La parola viene presa immediatamente dallo sceneggiatore Frank Spotnitz, che presena una clip in anteprima mondiale: nella scena Cosimo Medici, il personaggio interpretato da Richard Madden, è innamorato di un'altra donna rispetto alla moglie Contessina e si reca davanti ai genitori e racconta del tradimento e si giustifica dicendo di aver dovuto sposare una donna che non amava. Il dialogo con la madre e il padre Giovanni De Medici, il premio Oscar Dustin Hoffman, è durissimo e mostra tutta la qualità recitativa di questo cast internazionale.

Frank Spotnitz continua dicendo che la serie non è soltanto storica, ma si sviluppa anche toccando altre tematiche: “Un'altra cosa che devo dire che cominciamo con la domanda che tormenta Cosimo De Medici: come è morto il padre Giovanni? Questa domanda ci permette di organizzare la serie come in un giallo, e spinge e porta avanti Cosimo a costruire l’impero che diventa la banca della sua famiglia”. Lo sceneggiatore loda le bellezze italiane, che risaltano nelle location reali della serie: “Ho fatto questo progetto perché ho creduto nei produttori. Le bellezze di questo paese sono una fonte d’ispirazione per questa serie. L’Italia è amata in tutto il mondo, anche se molti italiani non lo sanno. Se i “Medici” fossero stati solo dei banchieri nessuno se li ricorderebbe oggi, ma dato che sono stati dei mecenati dell’arte vengono ricordati da tutti”. Lo sceneggiatore ha poi illustrato al pubblico il lavoro di ricerca storica dietro la serie: “Abbiamo letto tanti libri per essere fedeli alla storia. Non sappiamo se Giovanni sia stato assassinato o meno e questo è il punto di partenza della nostra serie. Io volevo che il pubblico vedesse dei personaggi contradditori che non lo facessero annoiata per otto ore”.

La vera star della masterclass è Richard Madden (guarda le foto sul set toscano), che ha visto in mezzo al pubblico la clip e ha poi commentato: “È stato entusiasmante rivedere qualche pezzo ed è stato bellissimo lavorare con Dustin Hoffman e ancora stiamo al lavoro in questa storia, abbiamo ancora molto da fare. Il lavoro più facile, alzandomi presto la mattina, era arrivare sul set e parlare con i consulenti che ci spiegavano l’affascinante storia dei Medici. Conoscevo il nome della famiglia Medici, ma non molto di più, ho imparato molto dalla sceneggiatura e dai libri. Frank ha reso vivi questi personaggi rendendole persone all’avanguardia. Questa famiglia cosi fantastica ha dedicato la loro vita a creare qualcosa che rende migliore ancora oggi, non sono stati egoisti, ma hanno spinto per lasciare qualcosa per il futuro”. L’interprete scozzese è stato poi interrogato sul perché scelga spesso lavori in costume: “Mi piace recitare nei drammi d’epoca, quello che mi ha attirato nei Medici è la portata storica di questi personaggi. In Cosimo c’è molto di più che non si limita al dramma moderno. Abbiamo girato in queste stanze con questi dipinti stupendi, circondati da questi dipinti contenuti nelle chiese, che per loro era come andare al cinema, i personaggi che così come erano stati scritti erano in costume”.

Richard Madden durante la masterclass per  "Medici"
Richard Madden durante la masterclass per "Medici"
Game of Thrones 6 - Richard Madden durante la masterclass per  "Medici"
Richard Madden durante la masterclass per "Medici"
Game of Thrones 6 - Richard Madden durante la masterclass per  "Medici"
Richard Madden durante la masterclass per "Medici"

Richard Madden è stato poi, inevitabilmente, interrogato sulle differenze tra il lavorare con una produzione come “Game of Thrones” rispetto a quella di “Medici”: “Rispetto a Il Trono di Spade non sembra che sia stato fatto con fondi minori. Io sono un attore e non posso conoscere bene le varie spese che ci sono dietro la produzione di un film/serie tv”. L’ormai sex symbol ha anche spiegato le differenze principali tra un set inglese e uno italiano: “In Gran Bretagna si pianifica tutto, gli italiani non pianificano le cose perché sono persone straordinariamente creative e tutto succede in modo quasi casuale. Il set è molto vivo e si improvvisa ogni giorno. Uno degli aspetti più interessanti è che ogni giorno sono sempre più intrigato dei personaggi che incontro durante le riprese: la storia è come un fiume che ti travolge. La vera somiglianza con “Il Trono di Spade” è che non sempre le cose hanno un lieto fine e la vita non sa cosa ci riserva il futuro”.

Richard Madden durante la masterclass per  "Medici"
Richard Madden durante la masterclass per "Medici"
Game of Thrones 6 - Richard Madden durante la masterclass per  "Medici"
Richard Madden durante la masterclass per "Medici"
Game of Thrones 6 - Richard Madden durante la masterclass per  "Medici"
Richard Madden durante la masterclass per "Medici"

Madden ha poi elogiato gli attori italiani: “Sono arrivati tutti super preparati sul set con la piena conoscenza del proprio personaggio. Ho incontrato persone meravigliose e sono felice di continuare a lavorare in Italia ancora per un po’”. La battuta finale è sulle storie d’amore che aspettano il suo personaggio: “Vi aspettate una storia? Beh forse ne avrete più di una”. Dietro il sorriso di Richard Madden c’è probabilmente l’unico piccolo spoiler di questo interessante incontro. Le riprese in Toscana continueranno fino al mese di febbraio e probabilmente con esse anche il pellegrinaggio sul set delle fan pronte a tutto per vedere anche da lontano il proprio idolo. Il Re del Nord è tornato e Roma è stata per un giorno il suo regno.

Clicca mi piace alle pagine Facebook Game of Thrones - Il Trono di Spade Italia, l'immane disgusto di Varys nei confronti dell'umanità, Kit Harington e Richard Madden Fan Page, Kit Harington Italia, Jon Snow the Bastard Italia, Valar Morghulis Il Trono di Spade Italia Natalie Dormer Italia, Serializzati!

Crediti: Thomas Cardinali, melty.it, Valerio Brandi