Game of Thrones 6x01: Jon Snow, tanto rumore per nulla. Che succederà?

Jon Snow è il novello Giulio Cesare di Game of Thrones
Ecrit par

Quasi un anno a discutere, elaborare teorie su Jon Snow, ma alla fine tanto rumore per nulla. Il Lord Comandante è morto e stecchito, per ora.

(A cura di Thomas Cardnali) - Antica Roma, 15 marzo 44. A.C… la Barriera, in un anno imprecisato di un mondo immaginario creato dalla genialità di George Martin. Protagonisti sono Giulio Cesare e Jon Snow, due comandanti, o meglio il primo è addirittura un Imperatore. I due sono ormai diventate due figure mitologiche, perché se il più famoso degli antichi romani lo è da tempo il Lord Comandante dei Guardiani della Notte se l’è guadagnato nel corso degli ultimi 9 mesi. Abbiamo atteso quasi un anno per scoprire che Jon è morto così come Giulio Cesare, che nonostante la grandezza e tanti combattimenti basta un coltello a tradimento piantato in pieno petto per toglierti la vita. Martin ama l’Antica Roma, quindi il riferimento alla congiura di Bruto con quella di Alliser Thorne non è assolutamente casuale ma bensì voluto. Jon Snow è morto e nessuno può affermare il contrario e, nonostante mille speculazioni, dopo la prima puntata (leggi la recensione su melty di "The Red Woman") andata in onda questa notte il suo futuro è meno certo di quanto non lo fosse in precedenza.

La differenza tra Giulio Cesare e Jon Snow è che il secondo vive in un fantasy dove, almeno nei libri, personaggi importanti possono resuscitare e avere una potente strega rossa vicina di stanza può essere un vantaggio in questo senso. La cosa che più di tutte fa riflettere però è lo sguardo distrutto, quasi sconvolto di Melisandre (lggi l'editoriale sulla sua vera identità) davanti al corpo di Jon Snow con la vittoria a Grande Inverno vista tra le fiamme che sembrerebbe evaporata di colpo. Non sembra avere alcuna idea su come resuscitarlo e questo ci ha lasciato interdetti, dato che magari ci aspettavamo qualche riferimento che la HBO avesse tenuto nascosto nelle scorse settimane. Lo stesso Davos che ne difende il corpo lo fa più per il tanto caro senso dell’onore che per una conservazione volta alla pratica di qualche magico rituale. Sembrerebbe dunque che il personaggio interpretato da Kit Harington sia morto definitivamente con buona pace del suo numerosissimo fandom. Tanto rumore per nulla quindi? Forse però c’è ancora una speranza.

Il finale della puntata ci svela la vera natura, da sempre ipotizzata, di Melisandre. La strega è una creatura antichissima e in grado di fare magie molto potenti, pertanto una porta di speranza per Jon la possiamo lasciare nonostante sia stata proprio il personaggio di Carice Van Houten a disperarsi per la morte. Nelle prossime puntate vedremo anche il flashback della Torre della Gioia, nella quale si vocifera ci sarà anche Jon neonato con la mamma Lyanna Stark. Che senso avrebbe mostrarlo dopo la sua morte? Giulio Cesare è morto, Jon Snow è morto. La differenza è che il primo ha una data sulla lapide, il secondo viene da un mondo dove anche se tutti devono morire non tutti quando lo fanno è per sempre.

Clicca mi piace alle pagine Facebook Game of Thrones - Il Trono di Spade Italia,l'immane disgusto di Varys nei confronti dell'umanità, Kit Harington e Richard Madden Fan Page, Kit Harington Italia, Jon Snow the Bastard Italia, Valar Morghulis Il Trono di Spade ItaliaNatalie Dormer Italia 30 giorni di Telefilm e i gruppi Il Trono di Spade Italia - I Sette Regnie Il Trono di Spade roma!

Crediti: web , HBO, Web