Game of Thrones 6: George Martin si scusa, "The Winds of Winter" ancora senza data

George Martin confessa gravi ritardi per "The Winds of Winter"
Ecrit par

George Martin con un post sul suo blog personale ha confessato grandi ritardi per The Winds of Winter, nuovo libro ancora senza data d’uscita.

I fan di Game of Thrones hanno avuto un risveglio che ha mandato di traverso il cenone di Capodanno: George Martin, autore della saga de “Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco” da cui la serie è tratta ha annunciato sul suo blog di non aver ancora completato “The Winds of Winter” e di non sapere quando uscirà. Il ritardo è davvero clamoroso, anche perché ha spiegato di aver solo scritto un centinaio di pagine e ne mancano moltissime: “Credetemi, non è piacevole scrivere queste parole. Siete delusi, e non siete i soli. Lo sono i miei editori e la mia casa editrice, lo è la HBO, lo sono i miei agenti e le case editrici internazionali e i traduttori… ma soprattutto lo sono io. Sono mesi che non voglio altro che scrivere “ho completato e spedito The Winds of Winter” entro fine 2015. La realtà è che il libro non è pronto”. Questa è la sofferta confessione di George Martin, ma non è finita qui.

George Martin ha spiegato che manca ancora molto lavoro da fare: “Non è pronto. E non sarà pronto domani né la settimana prossima. Sì, ho scritto tantissimo. Centinaia di pagine. Decine di capitoli. Le notizie che leggete in cui dicono che non ho scritto nulla sono false, un tipo di giornalismo online che ho imparato con il tempo a disprezzare. Ma devo ancora scrivere molto. Mancano mesi al completamento, sempre che la scrittura mi venga facile(a volte capita, ma a volte no). Ci sono capitoli ancora da scrivere, ma anche capitoli da riscrivere e rielaborare. Riscrivo sempre i capitoli, a volte per rifinire ma altre volte rielaboro completamente”. L’autore continua chiedendo scusa specie ai fan sia dei libri che della serie tv (guarda il teaser trailer della sesta stagione di Game of Thrones): “Suppongo che potrei dire semplicemente “scusate ragazzi, sto ancora scrivendo” e fine. “Sarà pronto quando sarà pronto”. In fondo è quello che ho sempre fatto. Ma c’è la sesta stagione della serie in arrivo, e con così tante richieste di informazioni da più parti, violerò le mie regole e dirò qualcosa di più. Moltissimi miei lettori sono preoccupati del fatto che la serie possa superare gli eventi dei libri, rovinando le sorprese di questi ultimi e rivelando fatti presenti nei futuri romanzi”.

G.R.R Martin ha anche svelato qual è stata la deadline che non è stato in grado di rispettare: “Abbiamo discusso la scorsa primavera, quando stava per uscire la quinta stagione della serie, e abbiamo fatto un piano. Volevamo che il sesto libro uscisse prima della sesta stagione. Questo significava che il libro sarebbe dovuto uscire a marzo, e che avrei dovuto consegnare il manoscritto entro la fine di ottobre. Mi sembrava fattibile, a maggio. La prima deadline era quindi fissata per Halloween”. Poi la doccia gelata per i fan: “Sfortunatamente la scrittura non è andata avanti come speravo. La colpa può essere attribuita ai miei viaggi così come ai miei post sul blog, alla distrazione da parte di altri progetti, al Cocteau o chissà cosa, ma forse è stata colpa di tutto, della mia età… La verità è che a volte si scrive bene, mentre altre male edè sempre stato così per me. La primavera è diventata estate, le giornate di lavoro peggioravano. Ad agosto mi sono reso conto che non ce l’avrei fatta. Non posso dirvi quanto è stato deprimente rendermene conto”.

Un uomo distrutto il Martin che ne ha per tutti nel suo post: “Gli editori mi hanno concesso altri due mesi. Mi avevano detto che se avessi consegnato entro fine anno il libro sarebbe comunque uscito a marzo. Avevo due mesi in più, ma le pagine non aumentavano. Le settimane sono passate in fretta e il libro non è pronto né spedito”. L’autore ricorda poi il passato: “Guardate, ho sempre avuto problemi con le scadenze. Il mio primo romanzo è stato scritto senza scadenza o contratto. Nessuno sapeva che stavo scrivendo un libro e ho mandato il manoscritto completo. Ho scritto Fevre Dream allo stesso modo, e anche The Armageddon Rag. Nessun contratto, scadenza, nessuno che aspettava. Scritto tutto con il mio ritmo, consegnato tutto quando avevo finito davvero. È così che mi sento meglio, anche oggi”.

Arrivano poi delle dichiarazioni molto interessanti di Martin su delle tempistiche oneste: “Non so dirvi quando sarà pronto. È una mia responsabilità e di nessun altro. Posso immaginare, in base alle conversazioni che abbiamo avuto, che Bantam e l’editore inglese avranno il libro pronto tre mesi dopo la consegna del mio manoscritto. Ma quando avverrà la consegna, questo non so dirvelo. La serie è andata avanti più velocemente di quanto mi aspettassi, e io sono stato più lento. Chiaramente nella sesta stagione ci saranno delle rivelazioni, dei colpi di scena che ancora non ci sono stati nei libri. Ma per anni i miei lettori sapevano più cose degli spettatori. Per la prima volta, per alcune cose, accadrà il contrario. Come vorrete gestire la cosa… dipenderà da voi”. Una libera scelta quindi quella dei fan, che sarà interessante sapere come vorranno muoversi.

L’autore ha poi sparato tutti gli spoiler possibili per chi ha già letto i libri e visto le cinque stagioni: “Pensateci. Mago, Irri, Rakharo, Xaro Xhoan Daxos, Pyat Pree, Pyp, Grenn, Ser Barristan Selmy, Queen Selyse, la Principessa Shireen, la Principessa Myrcella, Mance Rayder, e King Stannis… sono tutti morti nella serie e tutti vivi nei libri. Alcuni moriranno anche nei libri… ma non tutti. Altri potrebbero morire in modi e in momenti diversi. Balo Greyjoy, d’altro canto, è morto nei libri ma è vivo nella serie. I suoi fratelli Euron e Victarion non sono ancora stati inseriti (ci saranno? Non ve lo svelo). Nel frattempo Jhiqui, Aggo, Jhogo, Jeyne Poole, Dalla (e il suo bambino), sua sorella Val, la Principessa Arianne Martell, il principe Quentyn Martell, Willas Tyrell, Ser Garlan, Lord Wyman Manderly, il Shavepate, Green Grace, Brown Benn Plumm, Tattered Prince, Pretty Meris, Bloodbeard, Griff e Young Griff, e molti altri non sono mai comparsi nella serie, ma ci sono nei libri. Molti addirittura hanno un loro punto di vista nella storia, altri avranno ruoli significativi in “The Winds of Winter” e “Dream of Spring”. Martin conclude il suo messaggio con un invito sincero al suo “fandom”: “Godetevi la serie e i libri. Io continuerò a scrivere. Un capitolo alla volta, una pagina alla volta, una parola alla volta, è tutto quello che so fare”.

Clicca mi piace alle pagine Facebook Game of Thrones - Il Trono di Spade Italia, l'immane disgusto di Varys nei confronti dell'umanità, Kit Harington e Richard Madden Fan Page, Kit Harington Italia, Jon Snow the Bastard Italia, Valar Morghulis Il Trono di Spade Italia Natalie Dormer Italia, Serializzati e il gruppo Il Trono di Spade Italia - I Sette Regni!

Crediti: HBO