Game of Thrones 5: Perché è stato un season finale diverso dal solito?

Un finale di serie quanto mai atipico!
Ecrit par

Il season finale di Game of Thrones 5 ci ha regalato una serie di colpi di scena incredibili ma anche un epilogo molto diverso dagli standard cui la serie ci aveva fino a qui abituato. Scopri perché.

Il season finale di Game of Thrones 5 ha sconvolto davvero tutti noi. Merito non di una puntata perfetta, ma di una serie infinita di eventi che hanno sconvolto il pubblico, regalando a tutti noi attimi di pura follia televisiva. Per gli eventi messi in campo è stata una puntata diversa dal solito, molto più ricca della passate e del tutto atipica nel canovaccio narrativo che Game of Thrones aveva sempre seguito lungo tutto il suo percorso. Basta confrontare i passati season finale per capire che ci siamo trovati davanti ad una decima puntata del tutto inedita per una serie come questa. In passato, ogni episodio 10 serviva a chiudere definitivamente le storie messe in gioco nella stagione, a permettere ai personaggi di ripartire per la stagione successiva; i cicli venivano quasi tutti chiusi, le storyline portate a termine, un capitolo si chiudeva e se ne iniziava ad aprire subito dopo un altro. Quest'anno tutto è andato molto diversamente, con gli autori che hanno deciso di percorrere una strada di rottura rispetto al passato, con dei metodi narrativi più simili ad altre serie che non ad un prodotto sempre abbastanza atipico come Game of Thrones. Non parliamo solo di una tendenza fin troppo esagerati voler scioccare lo spettatore ma anche di quella sensazione, nelle scorse stagione totalmente assente, di aver lasciato tutto volontariamente in sospeso.

Game of Thrones 5: Perché è stato un season finale diverso dal solito?

Tutte le storie sono state in un modo o nell'altro interrotte a metà, ogni scena è stata quasi sempre troncata di netto nel suo momento clou, evento più unico che raro in una serie come questa. Se in passato ogni serie poteva considerarsi un percorso a se stante quasi sempre concluso qui si ha avuto la netta sensazione di una volontaria interruzione della storia a metà. Pensateci bene e osservate ogni sequenza di “Mother's Mercy”: tutto è stato creato per esaltare lo spettatore e lasciarlo nel momento migliore con l'acquolina in bocca in vista della prossima stagione. Da notare una voglia di stupire del tutto inedita nella serie, figlia probabilmente di un percorso non impeccabile e che gli autori volevano probabilmente salvare con un finale ad alto tasso adrenalinico e di tensione. Game of Thrones 5 ha fatto suoi espedienti narrativi che non gli sembravano appartenere. Lo ha fatto forse in maniera grossolana ed esagerata, ma non possiamo non sottolineare la buona riuscita di ognuna di queste scene. L'emblema massimo di questo discorso è rappresentato dal destino di Stannis Baratheon, lasciato in sospeso proprio nel momento in cui stava per essere colpito a morte da Brienne. Probabilmente il personaggio è morto, ma è stata palese la volontà degli autori di rimandare la certezza della cosa al prossimo anno.

Game of Thrones 5: Perché è stato un season finale diverso dal solito?

Lo stesso dicasi per Theon e Sansa, lanciatisi dalle mura di Grande Inverno e con lo stacco registico arrivato proprio nel momento clou del loro volo. Probabilmente i due rimarranno entrambi vivi, ma questo non ha impedito agli autori di fare una scelta analoga a quella di Stannis. C'è poi la scena con Myrcella e Jaime, con la ragazza presumibilmente morta tra le braccia del padre, con la regia che ha staccato proprio nel momento dell'addio definitivo. Oppure Daenerys, abbandonata dalla regia poco prima di fare la conoscenza con i dothraki che l'hanno circondata; o Arya con lo stacco arrivato poco dopo la sua punizione. Insomma, è chiaro l'intento degli sceneggiatori e della regia di dare un senso del tutto diverso a questa puntata, un plot che apre le porte a nuovi metodi di messa in scena nella serie anche per il futuro. Alla fine l'unica morte mostrataci chiaramente è stata quelle di Jon Snow. Qui nessuno stacco di telecamera, nessun colpo di scena, solo un indugiare sugli occhi senza vita del ragazzo: che sia lo scherzo ordito dagli autori per farci capire che il suo destino non è del tutto segnato? Si, stiamo fantasticando.

Clicca mi piace alle pagine Facebook Game of Thrones - Il Trono di Spade Italia, L'immane disgusto di Varys nei confronti dell'umanità Lena Headey e Cersei Lannister Italy, Seriamente Tv, Kit Harington e Richard Madden Fan Page, I manzi di Game of Thrones, Le manze di Game of Thrones!

Crediti: HBO, Youtube, Archivio web