Festival Venezia 2013: Palo Alto, adolescenza firmata James Franco

James Franco in 'Palo Alto'
Ecrit par

‘Palo Alto’, un salto nell’adolescenza all’americana. Gia Coppola porta al cinema i racconti di James Franco aprendo nuove prospettive ai film sulle vite dei teenager. Leggi le dichiarazioni di Gia Coppola e James Franco su melty.it.

Un cognome che è una garanzia: Gia Coppola, nipote di Francis Ford Coppola, è alla Mostra del Cinema di Venezia con ‘Palo Alto’, film in concorso nella sezione 'Orizzonti'. ‘Palo Alto’ è il titolo originale della raccolta di racconti di James Franco del 2010, pubblicata in Italia come ‘In stato di ebbrezza’. James Franco, che è al Festival di Venezia come regista di ‘Child of God’, non è stato solo l’ispiratore di ‘Palo Alto’, ma è tra gli interpreti nel ruolo dell’allenatore della squadra di calcio femminile in cui gioca April, la ragazzina protagonista del film interpretata da Emma Roberts e di cui il personaggio di James Franco si dichiara innamorato. James Franco stesso ha contattato Gia Coppola per chiederle se fosse interessata a portare sullo schermo le storie degli adolescenti californiani di ‘In stato di ebbrezza’. “Ho fatto filmati per la moda, è la prima volta che dirigo degli attori”, spiega Gia Coppola nella conferenza stampa di presentazione del film.

Festival Venezia 2013: Palo Alto, adolescenza firmata James Franco

L’ ‘iperattività professionale’ di James Franco – attore, regista, produttore, sceneggiatore, scrittore… - avrebbe potuto spingere il regista di ‘Child of God’ a fare tutto da solo: “Sono nel mondo del cinema da 17 anni, avevo già pensato di adattarlo ma non volevo farlo da me, sarebbe stata una ripetizione, mi piaceva l’idea di affidarlo a qualcun altro che lo potesse trasformare e filtrare”. Perché proprio Gia Coppola? “Dopo aver visto alcuni video straordinari di Gia Coppola ho pensato che avesse la sensibilità giusta per catturare lo spirito della gioventù in un film che trascendesse i film di genere sull’adolescenza.” Da parte sua Gia Coppola ammette: “Adoro i film sui teenager, forse perché ho nostalgia di quel periodo”.

Festival Venezia 2013: Palo Alto, adolescenza firmata James Franco - photo
Festival Venezia 2013: Palo Alto, adolescenza firmata James Franco - photo
Festival Venezia 2013: Palo Alto, adolescenza firmata James Franco - photo
Festival Venezia 2013: Palo Alto, adolescenza firmata James Franco - photo

James Franco spiega il fascino dell’adolescenza in quanto “punto in cui l’innocenza si confronta con l’esperienza, un momento eccitante, pauroso.” Da J.D. Salinger a Gus Van Sant, James Franco precisa che “molti dei miei artisti preferiti si sono occupati di questo periodo così vitale. Accadono così tante cose da cui un autore può trarre spunto.” Gia Coppola, che ancora prima di arrivare al Lido aveva dichiarato che essere una regista debuttante la fa sentire come un adolescente goffo e impetuoso, ha avuto particolare attenzione per il ruolo di James Franco nel film, un adulto che si dichiara innamorato di una ragazzina: “Non volevo risultasse un cliché, ma volevo emergesse la solitudine del personaggio”. Gia Coppola si mostra delicata nei modi ed essenziale nelle risposte, ma alla domanda più o meno scomoda sul ruolo della sua celebre famiglia di cineasti sul suo lavoro è sicura: “Chiedo consiglio ma mi piace fare a modo mio. È importante per me sapere che posso farcela da sola.”

Crediti: FindMovieTrailers, labiennale, Gloria Anna Folcio