Festival di Roma 2015: Jude Law come Johnny Depp, sex symbol d'annata

Jude Law al Festival del Cinema di Roma
Ecrit par

Jude Law al Festival del Cinema di Roma 2015 ha fatto un po’ eco a Johnny Depp a Venezia, meno perfetto di quanto si immagini ma comunque affascinante.

Al Festival del Cinema di Roma 2015 è arrivato il secondo grande ospite internazionale: dopo Joel Coen e Frances McDormand (considerati praticamente un’unica persona data l’intesa professionale e privata che neanche Pitt e Jolie), è stato il turno di Jude Law, che si è accomodato della sala dedicata agli incontri ravvicinati dell’Auditorium. L'attore britannico si è presentato con un giacchetto di pelle alla Fonzie, una maglietta verde e jeans scuri, ed ha raccontato del suo The Young Pope, il nuovo progetto che lo vede coinvolto sotto al direzione di Paolo Sorrentino Se in occasione della Mostra del Cinema di Venezia vi abbiamo presentato il dio della moda per nararvi tutti gli scivoloni sul red carpet di Venezia, stavolta tocca alla dea ciecata, perché bendata forse non basta. Questa si palesa quando salva la nostra vista da realtà che non avremmo voluto immaginare neanche nei peggiori incubi di Monsters&co.

Sto esagerando un tantino sì, niente a che vedere conJohnny Depp, l’incarnazione del pirata figo ed eternamente maledetto per Dior ad agosto e Geronimo Stilton sul red carpet di Venezia in settembre, però accidenti Jude, un pettine a casa no? Non dico che gli attori debbano sottoscrivere un contratto con il pubblico - se sei da embolo quando reciti devi esserlo anche dal vivo sennò iniziamo a non pagare il biglietto del cinema- ed è vero pure che non siamo mai contenti di voi vip (quella s’è rifatta troppo, lui invece troppo natural, quell’altra magari poteva farsi la ceretta), però il parrucchiere avrebbe potuto dare una sistemata alla coda di lemure che si è ritrovato in testa oggi il nostro Law. La dea ciecata comunque è stata così brava da far risaltare sopratutto il suo sguardo da catalessi e il generale charme.

Dettaglio hair style a parte l’attore è stato sufficientemente distante dal suo collega Depp a Venezia - la pelle del viso come quella di un bambino in fasce, sorriso ancora integro e un fisico che la maggior parte dei ventenni può soltanto sognare. Posato e affatto eccessivo, professionale e sorridente, Jude Law stamattina si è anche diretto a Largo Argentina con un libro alla mano per leggere da solo sotto il sole della capitale. Solo per questa coscienza del contesto in cui si trovava e l’amore per la lettura, possiamo dire che la dea ciecata è servita solo per qualche momento oggi, quando i capelli gli si muovevano come un noodles scotto.

Crediti: youtube, Coming Soon, web