Fear The Walking Dead 2: La recensione della prima parte di stagione

Fear The Walking Dead 2, meglio o peggio di The Walking Dead?
Ecrit par

In attesa del ritorno della 2^ stagione di Fear The Walking Dead il 21 agosto stiliamo un bilancio per i primi sette episodi dello spin-off di The Walking Dead. Capolavoro o delusione?

Se è vero che l'estate sta muovendo i suoi primi timidi passi, è altrettanto vero che l'attesa per il ritorno della seconda stagione di Fear The Walking Dead si prospetta piuttosto lunga. La "companion series" dell'universo creato da Robert Kirkman andrà di nuovo in onda solo il 21 agosto (Fear The Walking Dead 2: Quando andrà in onda la seconda parte della stagione?) con l'ottavo episodio, che dovrebbe sciogliere i nodi lasciati irrisolti da un avvincente mid-season finale (Fear The Walking Dead 2x07: Streaming, riassunto e spoiler per il finale di metà stagione). E' dunque lecito tirare una grossa riga rosso sangue su quello che AMC e lo stesso Kirkman ci hanno proposto nelle ultime settimane, mettendo a punto una recensione sulle prime sette puntate del serial. Naturalmente vi invitiamo a condividere anche la vostra opinione con un commento qui sotto o sulla pagina Facebook Fear The Walking Dead Italia.

Se volessimo riassumere tutta la prima parte di Fear The Walking Dead 2 in una sola parola questa sarebbe di sicuro "altalenante". Dopo una breve prima stagione dal ritmo piuttosto lento, la seconda volta di FTWD ha messo sul piatto alcuni episodi costruiti con maestria ed eleganza fotografica - e narrativa - alternati ad altri decisamente meno riusciti e a tratti imbarazzanti. Esempio lampante di tale irregolarità è proprio il finale di metà stagione. "Shiva" è sì intenso e mortale, ma allo stesso tempo gli eventi subiscono una brusca accelerata, che porta i personaggi a comportarsi in modo poco coerente. Gli sceneggiatori si sono ritagliati il giusto tempo per creare il climax perfetto nella hacienda messicana di Celia, tra credenze mistiche, culto della morte e atmosfere a tratti voodoo, mandando poi tutto in fumo nelle battute finali con un incendio tanto reale quanto metaforico. L'impressione è che i signori di AMC abbiano voglia di raccontare tanto, vedendosi costretti ad aumentare sensibilmente il ritmo della storia, chiudendone alcuni aspetti in fretta e furia.

Con l'avvio incerto di Fear The Walking Dead - limitato dai soli sei episodi scelti dalla produzione a completarne il "pacchetto" -, la seconda stagione ha il merito di averne definito i personaggi e le loro relazioni, regalandoci alcuni volti sicuramente affascinanti. Pensiamo a Daniel Salazar e ai suoi tormenti interiori, a tratti all'impetuosa Madison (Fear The Walking Dead 2: Madison è sola, Nick e Travis nuovi nemici?) o ancora ad Alex, unica sopravvissuta allo schianto del volo 462 (Fear The Walking Dead 2x03: Il crossover con "Flight 462" che tutti aspettavano!), ora in cerca di vendetta. Le loro storyline si sono però interrotte bruscamente - Maddie a parte -, con tragiche e sbrigative morti (Fear The Walking Dead 2: Daniel è morto davvero? Ecco la verità) o con "sconfitte" che hanno lasciato voragini narrative che difficilmente saranno riempite nelle puntate restanti. Pensiamo ancora a Celia, una donna controversa ma al tempo stesso magnetica, la cui fine è stata scritta troppo presto.

Il comportamento di alcuni personaggi di Fear The Walking Dead li rende purtroppo difficilmente accattivanti, o addirittura bersaglio delle critiche più feroci da parte del pubblico. Chris e suo padre Travis sono forse i sopravvissuti meno riusciti dell'intero cast. Il primo cede alla follia a pochissime settimane dallo scoppio dell'epidemia zombie, presentandosi come un adolescente violento e ribelle, incline a compiere la scelta sbagliata in situazioni paradossali e forzate. Il secondo è un po' un "protagonista mancato", una spalla debole e svogliata. Altri ancora hanno invece incontrato il favore nostro e dei telespettatori. Nick, ad esempio, ha interpretato a modo suo l'Apocalisse, creando un legame particolare con i non-morti. La sua scelta finale (Fear The Walking Dead 2: Nick ha commesso il più grande errore della sua vita?) lo ha poi allontanato dal "nido", trascinandolo in un vortice pericoloso che vivremo solo nei nuovi episodi estivi (Fear The Walking Dead 2x08: Nick in pericolo nel video promo del nuovo episodio). Di fatto, come i personaggi dovrebbero essere costruiti in modo assai più credibile, anche gran parte degli episodi meriterebbero una maggior attenzione e cura nei dettagli. Una coerenza che in parte è stata divorata dal morso famelico dei walker. (leggi anche su melty >>>Fear The Walking Dead 2: Un attore dello spin-off arrestato per aggressione!)

Crediti: AMC