Emma Watson spiega perché non vuole che i fan conoscano la sua vita privata

L'attrice Emma Watson
Ecrit par

Emma Watson è una di quelle star di cui non si sa quasi nulla della sua vita privata e adesso ha spiegato perché ci tiene così tanto.

Spesso capita che alcuni attori e attrici tengano particolarmente alla propria vita personale e che quindi evitino di stare troppo sotto i riflettori. Tra queste troviamo anche Emma Watson, la principessa de La Bella e la Bestia, che nel corso degli anni ha imparato a gestire molto bene la sua popolarità. Emma è diventata famosa a soli 9 anni, quando è stata presa nel ruolo della streghetta Hermione Granger in Harry Potter, e ha dovuto capire molto presto come non farsi fagocitare dal bellissimo – ma duro – mondo di Hollywood. Tanto che sulla sua vita personale si sa davvero poco o niente.

L'ATTRICE EMMA WATSON
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson

Come mai Emma Watson tiene così tanto alla sua vita privata? Lo ha spiegato proprio l’attrice in una recente intervista al magazine People, dove ha svelato alcune sue particolarità caratteriali. “Daniel Radcliffe, Rubert Grint e io eravamo solo bambini quando siamo stati presi per questa serie magica (Harry Potter, ndr) e quello che ci è accaduto è stata un’altra specie di storia fantastica. Così la storia della mia vita è stata d’interesse pubblico ed è questo il motivo per cui sono così attenta ad avere un’identità privata. Quando interpreto un personaggio le persone devono essere in grado di non sorprendersi: devono essere capaci di separarmi da quella ragazza. E far sì che nessuno sappia ogni intimo dettaglio della mia intera vita è parte del fatto che voglio proteggere la mia abilità di far bene il mio lavoro”.

Crediti: Disney, VCG, Getty Images, Axelle/Bauer-Griffin, Archivio Web, Vera Anderson, Bertrand Rindoff Petroff, Taylor Hill, Archivi Web