Emma Watson consiglia 5 libri sul femminismo

L'attrice Emma Watson
Ecrit par

Avete voglia di saperne di più sui movimenti femministi ma non sapete da dove cominciare? Emma Watson vi consiglia cinque libri sul tema.

Emma Watson non è famosa nel mondo solo per aver interpretato Hermione Granger, la streghetta più famosa di tutti i tempi protagonista della saga di Harry Potter, ma anche per le sue battaglie femministe per le quali è amata e criticata. Recentemente è stata protagonista di una spiacevole polemica riguardo alcune foto in topless scattate per il magazine Vanity Fair: alcune persone l’hanno accusata di “predicare bene e razzolare male” perché avrebbe mostrato il proprio corpo agli occhi dei fotografi. Come però il femminismo insegna, ognuna è padrona di mostrare il proprio corpo quando e come vuole, senza che gli occhi di censori moralisti debbano aver da ridere sulle libere scelte di ognuna. E la risposta di Emma Watson, “Sono confusa, cosa c’entra il mio seno con il femminismo?”, ha messo a tacere gli haters una volta per tutte.

LE FOTO PIÙ BELLE DI EMMA WATSON
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson
L'attrice Emma Watson

Se nel tempo avete avuto voglia di informarvi di più su alcuni libri chiave per capire il femminismo, Emma Watson vi facilita la questione dando qualche consiglio. Secondo la protagonista de La Bella e la Bestia, 5 sono i testi che bisognerebbe leggere per entrare meglio nel tema: I Monologhi della vagina di Eve Ensler, My Life on the Road di Gloria Steinem, Il Colore Viola di Alice Walker, Persepolis di Marjane Satrapi e How to Be a Woman di Caitlin Moran. Pronti ad aggiungerli alla vostra libreria? Emma Watson ha trovato questi cinque libri eccezionali, e di una come lei c’è solo da fidarsi. (P.S. L’Arte della Gioia di Goliarda Sapienza l’aggiungo io!).

Crediti: Disney, Taylor Hill, Getty Images, David M. Benett, Bertrand Rindoff Petroff, Archivi Web, Archivio Web