Elisabetta Canalis contro la Palestina: Polemiche su Twitter

Elisabetta per l'Unicef
Ecrit par

Elisabetta Canalis ha tentato di dire la sua sulla tragica guerra tra Israele e Palestina. Un tweet troppo frettoloso e neanche molto chiaro quello di Eli, che ha scatenato polemiche sul web e un passo indietro da parte dell’autrice.

“Sentire che un razzo contro Israele e'partito dal Libano fa pensare ai rifugiati siriani nelle tendopoli che di sicuro subiranno conseguenze”, questo il tweet di Elisabetta Canalis a commento dei bombardamenti che stanno distruggendo le vite delle popolazioni locali in questi giorni, sulla striscia di Gaza. Un pensiero apparentemente scritto di fretta, senza una riflessione approfondita, forse in parte (e in modo non proprio chiaro) riferito anche alla recente visita dellaCanalis ai bambini in Libano. La frase comunque ha fatto scatenare il popolo del web contro Eli. “Mi spieghi il collegamento per favore ? Vorrei ricordarti che bombardare i civili con il fine di morte è Hamas”, scrive un utente e qualcun altro si accoda: “AH, NON TI FA PENSARE AGLI ISRAELIANI CHE VIVONO SOTTO I RAZZI TUTTI I SANTI GIORNI? Cioè io non ce posso crede giuro”.

Twitter insomma non ci sta perché, al di la delle singole opinioni, il commento della Canalis è stato espresso in maniera confusa, non tenendo conto (o comunque senza pensare) che le “Conseguenze” della guerra tra Israele e Palestina sono tangibili già da qualche tempo. Pochi minuti dopo il tweet incriminato però, Elisabetta (anche ambasciatrice dell’Unicef) ha raddrizzato il tiro: “Mi spiace che qualcuno abbia frainteso Prego per le vittime israeliane e palestinesi e temo per le vendette che ostacolano la pace”.

Crediti: Unicef Italia, Unicef