Elisabetta Canalis: Dopo l'aborto, in Libano per aiutare i bambini

Elisabetta Canalis
Ecrit par

Elisabetta Canalis sarà in Libano in qualità di testimonial della campagna "100% Vacciniamoli tutti" dell'Unicef. Dopo l'annuncio dell'aborto spontaneo, la showgirl parte per aiutare i bambini libanesi.

Elisabetta Canalis è la testimonial di Unicef Italia per la campagna "100% Vacciniamoli Tutti" e ha annunciato che, tra pochi giorni, partirà per il Libano per visitare alcuni progetti del Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia e per incontrare i bambini siriani. "È da tanto tempo che desideravo aiutare concretamente i bambini", ha afermato la showgirl italiana in un comunicato, "Oggi, grazie all'Unicef potrò contribuire a dare voce ai più piccoli che soffrono le conseguenze della guerra". La Canalis, che sarà accompagnata dal portavoce Unicef Italia Andrea Iacomini, ha continuato: "In Libano ci sono tanti bambini fuggiti dalla Siria che l'Unicef aiuta e protegge ogni giorno. Sono felice di poter dare il mio aiuto e raccontare le loro storie troppo spesso dimenticate". La Siria infatti, è una delle nazioni dove ha luogo una delle più gravi crisi umanitarie del mondo: la maggioranza dei bambini sono profughi e, spesso, anche orfani.

Altri articoli su Elisabetta CanalisElisabetta Canalis incinta: Look premamanElisabetta Canalis incinta fa sport: Critiche sul webElisabetta Canalis incinta e sempre più innamorata: Matrimonio vicino?Elisabetta Canalis: Aborto tra dolore e rabbia

Elisabetta Canalis inizia questo viaggio poco dopo aver annunciato la perdita del bambino che aspettava dal suo compagno, il chirurgo americano Brian Perry. Che sia un modo per esorcizzare il lutto o per adempiere al suo compito di testimonial, Eli è sembrata felice di partire per questa avventura. Sul suo profilo Twitter, la showgirl ha ringraziato tutte le persone che le sono state vicine e le sue fan, "mamme e future mamme che mi hanno scritto cose bellissime", ha detto Elisabetta. Purtroppo le cose non sono andate come dovevano e la Canalis ha dato l'annuncio della triste notizia sul social network "Whosay" (condividendolo anche sul più famoso Twitter): "Avrei voluto iniziare questo post in maniera diversa", ha scritto Eli,continuando, "Purtroppo la vita ti mette dietro l'angolo realta' che non ti aspetti e che è durissimo affrontare, anche se pensi di essere forte e preparata". Si spera che questo viaggio porterà un sorriso ai bambini libanesi e regalerà un po' di conforto ad Elisabetta.

Crediti: Unicef, Unicef Italia, web , Instagram, Archivi web