Egomnia, Matteo Achilli e il lancio internazionale a Milano: L'intervista

Matteo Achilli, fondatore di Egomnia
Ecrit par

Il 15 aprile abbiamo ritrovato Matteo Achilli, giovanissimo fondatore di Egomnia: lo abbiamo intervistato in occasione dell'evento di lancio internazionale del sito, tra fondatori di start-up e manager della finanza internazionale.

Matteo Achilli ha poco più di 20 anni ed è il fondatore di Egomnia, una piattaforma web che aiuta i giovani a trovare lavoro attraverso un particolare sistema di ranking. Achilli lo avevamo conosciuto tempo fa all'evento di 5x15 Italia (a questo link), oggi lo abbiamo ritrovato al Vodafone Village di Milano, dove abbiamo accettato l'invito a "Noi siamo l'Articolo 1", evento di lancio internazionale del sito: la creatura Egomnia sta crescendo nel mondo e nelle prossime settimane avvierà gradualmente le sue campagne di lancio. Tra ambiziosi fondatori di Start-up, alti dirigenti (Microsoft, Vodafone e Generali) e importanti esponenti della finanza (Paolo Gallo, Hr del World Economic Forum) era presente anche Melty, con qualche domanda allo "Zuckerberg italiano": un ragazzo intelligente ben capace di promuovere sé stesso ma che, nelle occasioni ufficiali, non tradisce i suoi 22 anni. Ecco cosa ci ha raccontato uno degli under 30 più influenti del panorama imprenditoriale.

Matteo, ho notato che a differenza dei tuoi "colleghi" illustri - ad esempio Bill Gates e Mark Zuckerberg - fai molta attenzione allo stile e ti presenti sempre in maniera molto elegante. E' una scelta di immagine o è solo un gusto personale? Ti ringrazio di questa domanda. Più che altro questo nasce dal fatto che quando ho iniziato a lavorare avevo bisogno di presentarmi "da grande": un ragazzino di vent'anni che si presenta in tuta perde la credibilità. Poi comunque sono italiano e l'italiano tradizionalmente si veste bene. Capita che ci siano casi come quello di oggi: ho invitato una rivista di moda che ha chiesto chi volesse vestire Matteo Achilli per l'evento di oggi, e Carlo Pignatelli mi ha fatto questo abito.

Procediamo con i paragoni indiretti: tu credi nell'università italiana e in quello che ti ha dato? L'Università italiana mi piace perché non ti prepara in maniera specifica in una cosa ma ti dà una cultura di base su tutto. Anche grazie a questo poi gli italiani riescono ad adattarsi ad ogni tipo di necessità ed è una cosa che ci caratterizza nel mondo. L'altra faccia della medaglia è che spesso da studenti usciamo e non siamo specializzati in niente, quindi ad esempio non si conosce il mondo dell'impresa. Io sono comunque attaccato al mio bagaglio culturale: bisogna sapere un po' di tutto, poi lavorando uno si specializza. Io mi sono buttato nel lavoro senza conoscenze, non sono uno sviluppatore ad esempio.

A proposito di lavoro: tra poco c'é il Primo Maggio e oltre che il giorno dell'apertura di Expo è la festa del lavoratori, cioè una categoria che tu dichiaratamente vuoi aiutare. Avete in mente qualche celebrazione o qualche evento? Come azienda non penso di fare nessuna attività mediatica in quel periodo: la campagna di Egomnia continuerà gradualmente nelle prossime settimane come già è stato pianificato. C'è anche da dire che dal punto di vista aziendale è difficile mettersi in luce davanti ad un evento di rilevanza planetaria come Expo. La nostra rimane comunque una StartUp che non può competere davanti a chiunque, quindi il modo migliore di onorare il primo Maggio sarà trascorrerlo lavorando.

Infine, l'ultima domanda me l'hai servita su un piatto d'argento, a pochi minuti dal tuo pranzo in compagnia di alcuni registi e attori presenti questa mattina. Dal momento che quella della tua vita è una trama che funziona, non è che c'è qualche film in programma? No, non c'è nessun film. All'evento c'erano tante tipologie di persone diverse che rappresentano aziende, attività e realtà differenti. Come gli altri ospiti sono tutte persone che ho conosciuto in diversi periodi della mia vita, che ho voluto invitare oggi e che si sono presentate: poi magari chissà, un giorno lavoreremo con tutti quanti, non si può mai dire questo. Però no, al momento non c'è nulla di definito in programma con loro.

Crediti: Egomnia, web