Egitto: Morsi, 48 ore per rispondere all'ultimatum dell'esercito

I manifestanti anti Morsi
Ecrit par

Le forze armate egiziane hanno lanciato un ultimatum di 48 ore a Mohamed Morsi per far cessare le violenze. Si aspettano le mosse dei Fratelli musulmani. I sit-in continueranno secondo gli attivisti della campagna Tamarod.

L'Egitto è a una nuova svolta della sua storia. Le forze armate hanno dato un ultimatum di 48 ore alle forze politiche affinché diano una risposta al popolo egiziano. La decisione è arrivata dopo due giorni di scontri e manifestazioni oceaniche che hanno attraversato tutto il Paese. E' stato il Consiglio supremo di difesa sotto la guida del ministro della difesa e comandante delle forze armate, Abdel Fattah el Sissi, a deliberare l'importante decisione. Il comunicato, con cui si annuncia una "road map obbligata" in caso di ulteriore stallo, è stato trasmesso in diretta tv in piazza Tahrir e alla sua lettura c'è stato un boato di gioia. "Il popolo vuole la caduta del regime", è stato il grido che si è levato dalle migliaia di manifestanti radunatisi nel luogo simbolo della "Primavera araba". Stavolta nel mirino al posto di Mubarak c'è l'attuale presidente Mohamed Morsi. Eletto il 24 giugno 2012 e a capo del Partito Libertà e giustizia, il movimento dei Fratelli musulmani, Morsi ha dissipato un enorme consenso popolare. Nelle ultime ore il presidente sembra essere sempre più solo. Barack Obama ha lanciato un appello affinché "tutte le parti diano prova di moderazione". Il presidente Usa ha chiesto la cessazione delle violenze, "altrimenti - ha avvertito - gli aiuti economici all'Egitto non arriveranno".

Egitto: Morsi, 48 ore per rispondere all'ultimatum dell'esercito

I Fratelli musulmani hanno pensato di sostituire Morsi fino all'ultimatum odierno. Ora la possibilità di nuovo governo con a capo un esponente dei Fratelli appare più remota. Inoltre cinque ministri - Turismo, Rapporti col parlamento, Telecomunicazioni, Ambiente e Risorse idriche - hanno voltato le spalle a Morsi e si sono dimessi poco prima dell'ultimatum dei militari. Le forze armate è la speranza riposta dalla folla nei giorni scorsi, i veri eroi a cui il popolo egiziano si è affidato per rimuovere il nuovo regime. Ricordiamo che nel periodo finale della dittatura di Mubarak e nel periodo di transizione, le forze armate furono viste dai manifestanti come la continuazione del regime. Nelle ultime ore le violenze in tutto il Paese sono costate la vita ad almeno 20 persone, con oltre 700 feriti. La seconda rivoluzione, secondo gli attivisti della campagna Tamarod, continuerà fino alla svolta. E risuoneranno nelle piazze gli slogan "Via, via, via" o "Il sit-in andrà avanti fino alla caduta del regime".

Egitto: Morsi, 48 ore per rispondere all'ultimatum dell'esercito - photo
Egitto: Morsi, 48 ore per rispondere all'ultimatum dell'esercito - photo
Egitto: Morsi, 48 ore per rispondere all'ultimatum dell'esercito - photo
Crediti: web , La7