Egitto in stato di emergenza: La Tienanmen dei Fratelli Musulmani

Nuove violenze in Egitto
Ecrit par

Escalation di violenza in Egitto. Le vittime degli scontri di piazza con i Fratelli Musulmani salgono a 421, mentre si dimette il vicepresidente El Baradei. La Farnesina sconsiglia viaggi nel Paese al di fuori dei villaggi turistici.

A un mese dagli scontri per la deposizione dell’ex Presidente Mohamed Morsi, non si fermano le violenze in Egitto. Le ultime fonti del Ministero della Salute hanno riferito di ben 421 morti nella piazza di Rabaa, sede del sit-in dei Fratelli Musulmani a sostegno del Capo di Stato destituito. L’esercito guidato dal generale Al Sisi, che ha rivestito un ruolo-chiave nel rovesciamento del regime uscito dalle prime elezioni democratiche del dopo-Mubarak, ha infatti effettuato numerosi blitz nelle piazze del Cairo per reprimere i sostenitori del gruppo islamista. Il portavoce El-Haddad ha affermato che il reale bilancio delle violenze è di 4.500 vittime, sostenendo che Rabaa rappresenta “La Tienanmen dei Fratelli Musulmani”. Sono emerse voci critiche anche all’interno del governo di transizione: il Vicepresidente (e premio Nobel) Mohamed El Baradei ha rassegnato le dimissioni in polemica contro le operazioni delle forze dell’ordine: “Mi è diventato difficile di proseguire ad assumere la responsabilità di decisioni con le quali non sono d'accordo e di cui temo le conseguenze". Gli scontri sono proseguiti anche dopo il coprifuoco indetto alle 21 di mercoledì 14 agosto, con il governo che ha dichiarato lo stato di emergenza di 30 giorni: il paese sembra ad un passo dalla guerra civile.

Egitto in stato di emergenza: La Tienanmen dei Fratelli Musulmani

Nel frattempo, la comunità internazionale guarda con preoccupazione ai nuovi scontri in Egitto. Il Ministro degli Esteri Emma Bonino si è detta “Addolorata” per la ripresa delle violenze nel paese, mentre il Presidente francese François Hollande ha già convocato l’ambasciatore egiziano all’Eliseo. Non si è fatta attendere la reazione degli Stati Uniti: la Casa Bianca ha espresso la propria ferma contrarietà alla dichiarazione dello stato di emergenza, e il Segretario di Stato John Kerry ha bollato le violenze come “Disdicevoli e antitetiche alla democrazia”. Il premier turco Erdogan, peraltro, ha chiesto a gran voce una riunione straordinaria del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che preveda anche la partecipazione della Lega Araba.

Egitto in stato di emergenza: La Tienanmen dei Fratelli Musulmani - photo
Egitto in stato di emergenza: La Tienanmen dei Fratelli Musulmani - photo

Il caos e le violenze in Egitto hanno mietuto vittime anche tra i giornalisti: negli scontri di piazza hanno infatti perso la vita il cameraman di Sky News Mick Deane (62 anni), la giovane reporter di Xpress Habiba Abd El Aziz (26) e il cronista di Al Akhbar Abel Gawad. C’è preoccupazione anche sul fronte del turismo: la Farnesina ha sconsigliato viaggi ed escursioni nel paese arabo, ad eccezione dei soggiorni nei villaggi turistici (in particolare Marsa Alam, Sharm El Sheik) del Sud.

Egitto in stato di emergenza: La Tienanmen dei Fratelli Musulmani
Crediti: Egitto scontri , AP Photo , Euronews, newyorker.com, news.com.au, 15minutesnews