Downton Abbey 6x07: Recensione, tra sogni spezzati e inaspettate proposte

downton abbey, il cast
Ecrit par

Mary ed Edith sono al centro di questo nuovo episodio di Downton Abbey, che tra gioie e dolori traghetta la serie verso il sempre più vicino finale.

Non smette di giocare con i nostri sentimenti Julian Fellowes, continuando al contrario ad inserire nelle ultime puntate di Downton Abbey piccoli riferimenti alle stagioni passate decisamente graditi: È il caso della nuova entrata in casa Crawley, una cagnolina che rimpiazzerà probabilmente la compianta Isis. Un regalo di nonna Violet, poco presente in questo episodio e probabilmente la più sottotono: il personaggio soffre chiaramente della recente disfatta nella guerra contro Isobel, Cora e l’ospedale di Downton, tanto da decidere di spostarsi verso il sud della Francia. La narrazione risente molto dell’assenza delle battute di Maggie Smith, uno dei cardini della serie, ma è riuscita a trovare un equilibrio grazie alle sorelle Crawley, Lady Edith e Lady Mary, decisamente in forma.

Downton Abbey 6x07: Recensione, tra sogni spezzati e inaspettate proposte

Il duo formato dalle sorelle Crawley infatti non è mai stato più bilanciato: Edith sta rinascendo come una fenice, bruciata con la morte di Michael Cregson e lentamente rifiorita dalle sue stesse ceneri, fino a sbocciare nel suo massimo sviluppo in quest’ultima puntata: al contrario, dall’altra parte Mary continua a cadere in un baratro fatto di tragici ricordi, che la portano a tradire perfino i suoi stessi desideri a causa delle paure dettate dal ricordo della scioccante morte di Matthew - in assoluto tra le peggiori di Downton Abbey. Le due quindi si equilibrano, tanto da riuscire a raggiungere forse per la prima volta uno status equalitario all’interno delle scene e non più un sistema di potere in cui Mary appare sempre al di sopra di Edith: ad aiutare questo processo vi è indubbiamente la casa editrice, la cui nuova editor (donna e molto simile alla stessa figlia del conte di Grantham) partecipa con la famiglia alle corse automobilistiche dimostrando di fatto quanto Edith sia ormai fieramente indipendente.

Downton Abbey 6x07: Recensione, tra sogni spezzati e inaspettate proposte

La vera evoluzione storica viene invece lasciata ai servitori del piano di sotto, che forse tali non sono più. Mr. Moesley e Daisy sostengono finalmente i loro esami all’interno della scuola locale, ma mentre per la giovane cameriera c’è ancora tempo per i risultati, Moesley scopre fin da subito che per lui forse c’è una possibilità diversa dall’essere un servitore: diventare un insegnante, il suo sogno di sempre. L’esodo dei servitori di Downton Abbey inizia quindi con uno dei personaggi più amati ma forse più sfortunati della serie, un onesto lavoratore a cui viene data finalmente una possibilità al di là della sua posizione sociale: la differenza di classi ormai è sempre più lontana, e Downton Abbey conferma nei dettagli la sua capacità di saper raccontare perfettamente il periodo storico in cui si trova. Un episodio forse meno brillante in termini di accadimenti, ma profondamente introspettivo e quindi piacevole, che ci riporta ai fasti della prima stagione. Downton Abbey si prepara ad un finale davvero di alta qualità.

Crediti: youtube, osservatoreseriale