Destiny: Tre buoni motivi per giocarci ancora

Destiny, comprarlo o no?
Ecrit par

Destiny non avrà nuovi DLC nel 2016, preparandosi all'uscita del suo seguito diretto. Eppure esistono almeno 3 validi motivi per giocare ancora al titolo online di casa Bungie.

E' vero, solo ieri abbiamo sottolineato sulle pagine verde acido di melty quanto l'esperienza offerta da Destiny appaia ormai arrivata al suo inevitabile capolinea. Le pressioni del publisher Activision, forse l'inadeguatezza di Bungie nel gestire un progetto tanto vasto ed ambizioso ed i cantieri già aperti per il seguito, hanno portato tantissimi gamer ad abbandonare l'MMOFPS americano. E se per noi esistono almeno tre validi motivi per seguire la massa ed attendere un sequel che potrebbe migliorare sensibilmente le carte in tavola (Destiny: 3 motivi validi per abbandonare l'esperienza Bungie), allo stesso modo chi vi scrive è convinto che esistano altrettanti punti a favore di una permanenza tra i pianeti e le stelle del primo Destiny, ora arricchitosi con il DLC "Il Re dei Corrotti".

Il primo motivo per continuare a giocare Destiny è forse il cuore pulsante di questa esperienza: clan e amici! Il titolo Bungie acquisisce valore aggiunto e un sostanzioso boost di divertimento se affrontato in compagnia di un gruppo unito ed affiatato, con cui portare avanti Raid, Cala la Notte, semplici Assalti o le impegnative Prove di Osiride, senza dimenticare le più recenti sfide presenti nell'Incursione "La Caduta di un Re" (Destiny: Sfida di Oryx, come completare la nuova challenge del Raid). L'animo "social" di Destiny è quindi evidentissimo, e non andrebbe sottovalutato.

Destiny avrà nuovi DLC o solo eventi?
Destiny avrà nuovi DLC o solo eventi?

Secondo motivo per non cestinare il proprio Guardiano è la promessa del team di sviluppo di arricchire l'esperienza di Destiny con nuovi eventi gratuiti settimanali, un po' come accaduto con la Lega Gare di Astori. E vero, nulla che possa competere con la ricchezza di un'espansione, ma concedere il beneficio del dubbio agli sviluppatori è sempre cosa buona e giusta. Magari riusciranno ad offrire piccole ed interessanti missioni in grado di arricchire il gioco in modo sensato, o ancora eventi dal gameplay sensibilmente distante da quello tradizionale, proprio come avvenuto per le già citate gare su Marte e Venere. Ultimo motivo? La legge del "drop"! La speranza di essere ricompensati con armi ed armature desiderate da tempo o quella di vedere parte dell'equipaggiamento esotico anno 1 trasportato nell'anno 2 spingono tantissimi a rimanere sui server di Destiny. Una motivazione certamente valida, che a nostro parere potrebbe farsi ancor più solida se gli sviluppatori decideranno di regalarci nuove versioni di armi mitiche come il Rompighaccio o il Gjallarhorn. E voi, per quale motivo giocate ancora a Destiny?

Crediti: Bungie