David 2015: Tarantino e Morricone annunciano una nuova collaborazione

Quentin Tarantino ai David di Donatello 2015
Ecrit par

Quentin Tarantino è stato premiato ai David 2015 per i film Django e Pulp Fiction dal maestro Ennio Morricone. I due hanno annunciato nuove musiche inedite, le ascolteremo in The Hateful Eight?

(Thomas Cardinali) - La presenza di Quentin Tarantino si è abbattuta come un ciclone sul Teatro Olimpico di Roma, la location dei David di Donatello 2015 (leggi tutti i vincitori). Il cineasta americano non era previsto come ospite della manifestazione, ma questa mattina i romani si sono svegliati con la sua presenza al Quirinale per ascoltare il discorso del presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella, che ha regalato anche una battuta citando il mitico "Pulp fiction": "Per tirarci fuori dalla crisi non basta Mr.Wolf". Basta invece un grande nome per rivalutare una manifestazione? Certamente no, ma sicuramente ha contribuito a catalizzare l’attenzione. Mr. Tarantino doveva ritirare ormai da molti anni ben due David di Donatello: quello del 1995 per “Pulp Fiction” e quello del 2013 per “Django Unchained”. L’attore, regista e sceneggiatore Premio Oscar si è presentato sul palco e si è prestato alle battute Tullio Solenghi, almeno fino a quando non è stato chiamato sul palco a premiarlo il maestro Ennio Morricone. La platea si è alzata tutta in piedi tributando un vero e proprio omaggio a due leggende della storia del cinema.

Quentin Tarantino riceve i due David mai ritirati per Pulp Fiction e Django
Quentin Tarantino riceve i due David mai ritirati per Pulp Fiction e Django
Quentin Tarantino sul palco insieme a Ennio Morricone
Quentin Tarantino riceve i due David mai ritirati per Pulp Fiction e Django
Tarantino ringrazia Morricone per la consegna dei due David
Quentin Tarantino riceve i due David mai ritirati per Pulp Fiction e Django

“Il primo film che ho visto al cinema è stato “Il buono, Il brutto e il cattivo” con le musiche del maestro. Ho sempre cercato di inserire la sua musica nei miei film”, ha detto Quentin Tarantino, ricevendo in cambio una stretta di mano affettuosa da Ennio Morricone. Solenghi a questo punto ha lanciato una bomba inconsapevolmente (forse): “A quando la prossima collaborazione? ”. La risposta del maestro premio Oscar alla carriera non si è fatta attendere: “Ieri Quentin è stato a casa mia: voleva convincermi a scrivere un brano inedito per il suo prossimo film. Io gli avevo già detto di no, ma alla fine mi ha convinto”. Tarantino ha confermato con un sorriso a trentadue denti, rimarcando il proprio amore per il cinema italiano. I fan delle due colonne portanti della settima arte ora non dovranno far altro che attendere l’uscita in sala di “The Hateful Eight” (leggi gli spoiler dal set) per poterli vedere nuovamente insieme.

Crediti: Web, Thomas Cardinali, melty.it