Danilo Gallinari rientra, Gigi Datome ai Pistons: La NBA migliora per gli italiani?

Danilo Gallinari pronto a tornare
Ecrit par

Buone notizie dalla NBA: dopo l'infortunio che lo ha tenuto fuori per un altro mese, Danilo Gallinari rientrerà in NBA con i Denver Nuggets. Gigi Datome, dopo tre giornate nella D-League, è stato richiamato dai Detroit Pistons.

Gli italiani in NBA possono tornare a sorridere: dopo le vicende disastrose di Danilo Gallinari, Andrea Bargnani e Gigi Datome (con il solo Belinelli a salvarsi) raccontate qualche settimana fa, è Gallinari il primo a tornare a sorridere. I Denver Nuggets potranno riabbracciarlo dopo l'ennesimo infortunio al menisco che lo ha tenuto fuori per circa un mese: l'ala di Sant'Angelo Lodigiano tornerà in campo questo venerdi con i Denver Nuggets, per cercare di interrompere un calvario durato due anni. Per il momento i Nuggets puntano ancora molto su di lui sia a livello tecnico - il suo rientro è importante per il rendimento della squadra -, sia a livello commerciale - oltre all'ingaggio, l'italianità funziona nel marketing NBA - ma, in caso di nuovi infortuni, una cessione è l'ipotesi più plausibile.

Danilo Gallinari rientra, Gigi Datome ai Pistons: La NBA migliora per gli italiani?

Mentre Andrea Bargnani continua la sua situazione da separato in casa New York Knicks - non è stato nemmeno visto al match europeo di Londra -, per Gigi Datome una nuova avventura in NBA ha inizio: dopo appena tre partite con la maglia di Grand Rapids nella D-League - la lega di sviluppo americana, dove si affrontano le formazioni "satelliti" di squadre NBA - i Detroit Pistons lo hanno richiamato e hanno deciso di puntare ancora su di lui. Sono ancora una volta poche le speranze di trovare spazi nei ritmi di coach Van Gundy - i Pistons sembrano aver trovato la loro dimensione dopo il taglio di Josh Smith -, ma Datome ha in mano una grande occasione per provare a tenere il campo e capire che, se le cose vanno male, l'Europa dei grandi club lo aspetta. Nel frattempo, Belinelli (rcevuto da Obama), continua ad essere l'unico ad avere continuità.

Crediti: web , Archivio web