Crozza a Ballarò: Alemanno, Roma ti saluta!

Maurizio Crozza
Ecrit par

Maurizio Crozza torna come ogni martedì sugli schermi di Rai Tre con la copertina settimanale a 'Ballarò'. Cosa avrà avuto da dire il comico genovese dopo i risultati delle elezioni amministrative?

Martedì 11 giugno è andata in onda una nuova puntata di ‘Ballarò’, il talk show che ogni settimana passa in rassegna vari temi di attualità politica italiana. La puntata arriva all’indomani delle elezioni amministrative, che hanno visto il centrosinistra espugnare 10 capoluoghi di provincia e la stessa capitale, ma che sono state caratterizzate da un fortissimo astensionismo. Come al solito, Maurizio Crozza ha saputo riassumere i punti salienti di questi ultimi avvenimenti in una copertina al vetriolo. Il comico genovese si è rivolto direttamente al segretario del PD Guglielmo Epifani, invitato in studio. “Vi siete già ripresi da questa botta? ”, ha chiesto il comico ad Epifani, “questa botta di culo intendo” ha poi precisato, dispensando al segretario qualche prezioso consiglio: “meno italiani vanno a votare più vince il Pd, voi dovreste lavorare molto sull’astensione, fate le elezioni di notte, date le matite senza punta”, ha detto Crozza. Il comico genovese ha dunque speso due parole per congedarsi dal sindaco di Roma uscente Gianni Alemanno: “A me dispiace molto per Alemanno, che non può nemmeno tornare a casa dai suoi, perché sono rimasti tutti in Comune” ha affermato Crozza, “povero Gianni, una vita a fare il saluto romano ed ora è Roma a salutare lui”.

Crozza a Ballarò: Alemanno, Roma ti saluta! - photo
Crozza a Ballarò: Alemanno, Roma ti saluta! - photo
Crozza a Ballarò: Alemanno, Roma ti saluta! - photo

Il comico si è quindi rivolto al sindaco di Pavia Alessandro Cattaneo, esponente del PdL, anch'egli presente in studio. Parafrasando le dichiarazioni dell’ex presidente della Regione Lazio Renata Polverini, Crozza ha individuato la ragione dello smacco elettorale subito dal Pdl alle amministrative: “Diciamolo, se non si presenta lui non andate da nessuna parte” ha detto Crozza, “è come un film porno senza scene di sesso”. E’ certamente degno di nota l’abbandono alla politica di Claudio Scajola, che ha dichiarato che approfitterà del ritrovato tempo libero per passare più tempo a casa, “allora lo sa che ha una casa” ha commentato tagliente Maurizio Crozza. Nonostante tutto però, il dato più importante di queste elezioni è stato senza dubbio l’alto astensionismo , che si attesta attorno al 52%: “C’erano così poche schede da scrutinare che sono usciti prima i risultati definitivi che gli exit poll”, ha tagliato corto il comico prima di commentare il magro risultato ottenuto dai Cinque Stelle: “Batosta M5s in Sicilia, in compenso ha vinto ha Pomezia”, ha ricordato Crozza, “Cristo si è formato a Eboli, Grillo a Pomezia”. L’ultima cartuccia è stata riservata all’imbattibile duo Maroni-Bossi, egregiamente interpretati dal comico genovese. Per commentare il fallimento della Lega a Treviso, il comico ha impersonato il presidente della Regione Lombardia. “Gentilini rappresenta il passato, noi vogliamo devecchizzare, basta liti io voglio una lega descazzizzata”, ha dichiarato Maroni-Crozza sfoggiando gli improbabili neologismi del suo personaggio. E Umberto Bossi cosa ne pensa?

Crozza a Ballarò: Alemanno, Roma ti saluta!

Leggi anche su melty.it >>> Elezioni amministrative 2013: I risultati in diretta, Marino trionfa

Crediti: Rai Tre