Checco Zalone e l'inno per i Mondiali 2014: "Tapinho" contro razzismo e omofobia

Checco Zalone
Ecrit par

Immancabile arriva l'inno di Checco Zalone per i Mondiali 2014: si intitola "Tapinho" ed è un brano contro il razzismo e l'omofobia. Ascoltalo su melty.it.

Non è mondiale di calcio senza l'inno di Checco Zalone: a pochissimi giorni dall'avvio della competizione, l'attore ha presentato il suo brano ufficiale intitolato "Tapinho". Con un sound a metà tra bossanova e samba e un testo comico cantato con accento brasiliano, il brano di Zalone potrebbe rimpiazzare "We are one" di Jennifer Lopez e Pitbull, forse uno dei peggiori inni di sempre. Il testo prende spunto da due recenti fatti di cronaca extracalcistica: la banana lanciata al giocatore del Barcellona Dani Alves e il bacio tra Ivan Rakitic e Daniel Carriço alla finale di Europa League. Riuscirà "Tapihno" a bissare il successo di "Siamo una squadra fortissimi", vero tormentone dei mondiali 2006? Di seguito audio e testo del brano.

Checco Zalone e l'inno per i Mondiali 2014: "Tapinho" contro razzismo e omofobia

Ehi, a ti, tifosu razzista

io capisco tu punto di vista

che uomo bianco non è come u neru

sotto la doccia ti dico veru

e allora sfuttimi, sfuttimi como vuoi tu

e quando tocco palla fammi huhu

ma su una question, una soltanto

te pregunto

si por favor puoi lanciarmi una prugna

un avocado, una mela cutugna

perché u destinu a me mefitico

m'ha fatto neru e stiticu

Io la banana non la mangio

si no cagar sarà un miraggio

si entro nel bagno questo giugno

ci rimango sino a maggio

io la banana non la mangio

ti prego gettami un'arangio

una susinha, un'albicocca

una frutta che non blocca

A te che alzasti a coppa de Europa Liga

che desti un bacio in bocca au tuo colliga

chissà se eri a favor dell'omosessao

o contro u Benfica

leviamoci ogni dubbio amici miei

io sta simbologia la invertirei

un bacio in bocca contru u razzismu

e la banana dei diritti gay

Io la banana non la mangio

mi mette u stomaco a disagiu

ma quale gesto di razzismo

questo è un vero salvataggiu

a me a banana me fa male

io non mi gioco sto mondiale

come u destino fu maligno

me presento, io soi Tapinho

Crediti: Archivio web