Checco Zalone e Francesco De Gregori, il duetto a Bari(video)

Checco Zalone canta De Gregori
Ecrit par

Dopo mesi di assenza Checco Zalone è tornato su Facebook con una nuova sorpresa: il video di un duetto con Francesco De Gregori presso la Feltrinelli di Bari. Tra i pezzi cantanti “La Donna Cannone” in versione neomelodica e “Gli uomoni sessuali”.

Se anni fa ci avessero raccontato che un giorno qualunque di un lontano 2014 Francesco De Gregori, pochi giorni fa ospite di X Factor 8, cantautore schivo, tanto da portare quasi sempre occhiali scuri, e poco cordiale – vi giuro che fino a qualche anno fa era così – avrebbe duettato con Checco Zalone, il comico-cantautore più popolare e rilevante degli ultimi anni, gli avremmo tranquillamente risposto, usando le parole dello stesso artista romano: “Guarda che non è lui. Guarda che ti stai sbagliando”; il vecchio De Gregori, anche se anagraficamente più giovane, probabilmente non avrebbe mai acconsentito a questo duetto, e si sarebbe sentito un pesce fuor d’acqua. Ma si sa, la senilità smussa gli spigoli e rende più docili al punto che lo stesso De Gregori si è trovato a duettare con Chezzo Zalone presso la Feltrinelli di Bari. Dobbiamo ringraziare le nuove tecnologie e mister Zuckerberg, perché il video, registrato probabilmente dallo staff di Zalone, è stato pubblicato nella pagina ufficiale del comico pugliese. Se non avete o odiate Facebook, peggio per voi.

Come ha la stessa Stefania Carini, firma di Europa, ha scritto sul suo profilo Twitter, “In una Tv sana, il duetto Zalone-De Gregori sarebbe su quello schermo”. Quel tipo di televisione, bella, divertente, contemporanea e di vero intrattenimento, la fanno altrove, ha ragione. Il video in questione è infatti una piccola perla: in primo momento un Checco Zalone barbuto – starà mica diventando un intellettuale? – ha regalato al pubblico della Feltrinelli una versione neomelodica de “La Donna Cannone”, sotto lo sguardo di un De Gregori divertito, subito dopo, invece, il cantautore romano si è lanciato, accompagnato al pianoforte dallo stesso Zalone, in una personalissima versione de “Gli uomini sessuali”. Signori, è già antologia. Dal momento che da anni siamo orfani di Corrado Guzzanti, datosi all’ozio e al cinema, più all’ozio che al cinema, il comico pugliese potrebbe colmare quel vuoto con un nuovo show. Il format è già pronto: Checco Zalone canta i classici.

Crediti: web